SAN FELICE DEL BENACO – Addio alle erbacce in castello, lavori in corso al Maniero

0

Il castello medioevale che sorge sul promontorio morenico, le cui rovine ospitano il vecchio cimitero, mentre l’unica torre superstite è stata adibita a ossario, è interessato da una serie di interventi per riqualificare le strutture interne e in modo particolare la torre campanaria e quella angolare. Le opere in corso, il cui costo, finanziato dal Comune e dalla fondazione Cariplo, ammonta a 45 mila euro, sono frutto di una specifica progettazione e sono eseguite da operatori specializzati nel settore delle faune. Da un lato, l’amministrazione vuole usare questa iniziativa per ripulire e rendere più ospitale la zona; dall’altro, estirpare in modo definitivo le erbacce per impedire al verde selvaggio di ricrescere.

L’intervento vuole predisporre di un piano di manutenzione conforme alle linee guida tracciate dalla Regione Lombardia e prevede l’inserimento di elementi fissi di aggancio e di scale di accesso tali da consentire agli operatori di lavorare su corda e di procedere alle future manutenzioni in programma. Attraverso tali operazioni sarà, infatti, possibile monitorare lo stato conservativo dell’antica rocca ed eliminare, grazie a operazioni di pulitura, tutti quegli elementi patogeni che potrebbero comprometterne la struttura.

“Con questo intervento – ha spiegato il sindaco della cittadella gardesana Paolo Rosa – si è compiuto un ulteriore passo per la conservazione e valorizzazione del patrimonio artistico culturale feliciano”. Infatti, sarà possibile controllare in modo sistematico lo stato conservativo del maniero e la rimozione di tutti quegli elementi faunistici che potrebbero comprometterne la struttura. Il progetto si inserisce in un quadro ben più ampio che ha già coinvolto la sala consiliare dell’ex Monte di Pietà sede del Municipio a partire dal 1993, la chiesetta del castello di San Felice e l’arco di accesso al castello di Portese risalente al XVII secolo.