BRESCIA – Weekend al cinema con ragazze modello e movie orientale

0

Nel primo weekend d’agosto i cinema della provincia presentano due film diversi tra loro, ma altrettanto interessanti: “Damseles in distress” e “La congiura della pietra nera”. Il primo è stato girato dal regista Whit Stillman che racconta la storia, ambientata in un college americano, di quattro ragazze unite per una causa comune. Lily, giunta da poco al collage di Seven Oaks, conosce tre studentesse, Violet, Rose e Heather, le quali hanno come scopo aiutare i loro compagni più in difficoltà, guidandoli in modo da risolvere i loro problemi.

Con caffè, ciambelle e sedute terapeutiche mirano a scongiurare suicidi e tragedie. Malgrado tutto questo, la vita nel collage si colora di tradimenti, sotterfugi, storie d’amore e situazioni che si intrecciano. La pellicola parte dai soliti film giovanili, i teen-movie, ma si sviluppa in una direzione un po’ diversa, dove al centro della trama troviamo delle giovani e belle ragazze che però non recitano la parte delle consuete reginette smorfiose e viziate, anzi, sono le gentili e amorevoli compagne che aiutano i loro colleghi più mediocri e solitari.

Il regista cerca di sovvertire tutti i luoghi comuni dei film giovanili americani con un pizzico di visione poetica, passando dal punto di vista di una ragazza all’altra, le quali possiedono personalità differenti. “La congiura della pietra nera”, invece, è il nuovo film d’azione che vede alla direzione, oltre che Chao-Bin Su, il famoso John Woo, che contribuisce alla creazione di questo Action Movie tutto orientale. Al centro del racconto si trovano i preziosissimi resti del principe indiano Bodhi, i quali sono ricercati da molto tempo dalla pericolosa setta della Pietra Oscura, in quanto si dice rechino poteri immensi a chi li possiede.

Casualmente la killer Drizzle, a seguito di una missione, trova l’ultimo resto di Bondi e lo porta via con sé. Inizia così la fuga della donna, che per sfuggire alla setta della Pietra Oscura si sottopone a un intervento estetico con lo scopo di cambiare aspetto. Questa produzione riporta ancora una volta sul grande schermo i consueti combattimenti made in Asia, accompagnati da una grande recitazione da parte degli attori, su tutti Michelle Yeoh e Wang Xueqi. Da sottolineare anche la profondità delle riflessioni sul cambiamento d’identità e la guerra tra i sessi, che portano la firma di John Woo.