PONTE DI LEGNO – Programma di eventi in alta quota per i 100 anni di turismo

0

L’assessorato al Turismo del paese camuno organizza per il 12 agosto al Passo Lagoscuro, a quota 3 mila fra i resti del villaggio militare della prima guerra mondiale, “Il ghiacciaio di nessuno”, la manifestazione che riprende il titolo del romanzo di Marco Preti ambientato sul ghiacciaio dell’Adamello e che rientra nelle celebrazioni per i 100 anni di Turismo del Comune.

Il programma prevede alle 10,30 l’inaugurazione di una chiesetta e di un ecomuseo dove sono raccolti reperti bellici ritrovati nell’area e pannelli illustrativi multimediali. Quindi ci saranno letture del volume di Marco Preti, accompagnate dal coro alpino “Erica” di Paitone e, a seguire, il concerto del pianista Ramin Baharami, di origine iraniana e diplomato al conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, considerato uno dei maggiori interpreti a livello mondiale di Bach.

Un pianoforte a coda, trasportato dall’elicottero, atterrerà su una piattaforma tra le rocce e il giovane maestro diffonderà le note della sua musica in un panorama suggestivo dove lo sguardo spazia sulle cime dell’Adamello e dell’Ortles-Cevedale e, in giornate limpide, anche alle Dolomiti e al Gruppo Monte Rosa e Cervino dall’altra. Al Passo Lagoscuro si arriva attraverso il Sentiero dei Fiori, uno degli itinerari alpinistici più spettacolari dell’alta Valcamonica, con partenza dal Passo Castellaccio, che è raggiungibile attraverso la Cabinovia tra il Passo Tonale e Passo Paradiso. Da qui inizia il tratto attrezzato (indispensabile il kit da ferrata) fino a Cima Lagoscuro (3.165 m con tre ore di percorrenza) e quindi all’omonimo Passo (tre ore per 40 minuti).

Questo sentiero, con opportuni cenni storici piazzati lungo il cammino, ripercorre gli arditi camminamenti, gallerie e trincee della prima linea italiana durante la Grande Guerra. L’anno scorso sono state ripristinate le due scenografiche passerelle aeree che ora rappresentano un’alternativa al passaggio in galleria per aggirare il Gendarme di Casamadre.

Per chi non se la sente di affrontare il Sentiero dei Fiori può vivere questa celebrazione e partecipare al momento evocativo, sia dal punto di vista storico sia naturalistico, già dalla sera precedente (11 agosto) quando tutto il sentiero sarà illuminato da un migliaio di fiaccole, ben distinguibili da Ponte di Legno, mentre all’auditorium Municipale si terrà alle 18 la presentazione del libro “Ponte di Legno, 100 anni di turismo: un secolo di storia per immagini” di Mario Berruti e Giancarlo Maculotti.

 

AdamelloNews.com » Turismo