BRENO – In farmacia non solo medicine. Servizi utili sotto casa

0

CUP2 (Centro unico di prenotazione servizi sanitari privati) è il nuovo servizio attivato da Federfarma Brescia che permette di prenotare direttamente nelle 39 farmacie private camune alcuni servizi sanitari erogati nella casa del paziente. Grazie all’accordo con lo Studio Infermieristico Associato Camuno (iscritto all’IPASVI), le farmacie private locali saranno in grado di offrire ai cittadini una serie di servizi a cui accedere a prezzi agevolati e in tempi brevissimi.

La presentazione del servizio

I primi servizi a partire sono legati all’assistenza domiciliare infermieristica: prelievi a domicilio, cicli iniettivi, cambio catetere, igiene della persona fragile, servizio di assistenza diurna e notturna, medicazioni e noleggio di protesica pesante. L’intenzione è implementare la piattaforma dei servizi offerti, mettendo in rete le farmacie con le strutture sanitarie presenti sul territorio. “CUP 2 realizza la Farmacia dei Servizi contenuta nella legge 153/09. Questo progetto saprà dare risposte concrete ai bisogni di assistenza del cittadino – spiega la dott.ssa Clara Mottinelli, presidente di Federfarma Brescia e dei Farmacisti Rurali di Federfarma Lombardia .-

L’utente può recarsi in farmacia e prenotare direttamente tanti servizi legati all’assistenza domiciliare e l’infermiere si recherà poi alla casa del paziente per fare la prestazione richiesta. In questo modo la farmacia sotto casa diventa a tutti gli effetti un centro polifunzionale di servizi. Il vantaggio per i cittadini è evidente: avranno un punto di riferimento vicino, sempre aperto e facile da raggiungere a cui rivolgersi per dare risposta alle più diverse esigenze di salute. Sono certa che il servizio sarà apprezzato specialmente nei casi complicati di dimissione ospedaliera, quando la famiglia si trova disorientata di fronte ai bisogni imminenti di assistenza del parente malato e ha necessità di risposte immediate.

Inoltre – continua la dott.ssa – il servizio sarà utile ai turisti che frequentano le nostre valli durante il periodo estivo: finalmente potranno recarsi in farmacia non soltanto per un farmaco o un consiglio professionale, ma anche per prenotare un servizio di assistenza nel luogo del loro soggiorno. Gestire la cronicità richiede la collaborazione di un’equipe multidisciplinare composta da diverse figure professionali – dice ancora la Mottinelli.- Il primo interlocutore con il quale le farmacie camune si sono messe in rete sono gli infermieri. Abbiamo contattato lo Studio infermieristico Associato in un’ottica di valorizzazione delle professionalità già presenti sul nostro territorio e abbiamo trovato un accordo per offrire agli utenti della farmacia prestazioni infermieristiche di alta qualità a prezzi vantaggiosi.

Ricordo inoltre che per ogni prestazione verrà emessa una fattura regolarmente detraibile ai fini fiscali. Abbiamo intenzione di intraprendere un dialogo costruttivo anche con i medici di base e gli specialisti del territorio”. “Per offrire un servizio realmente utile serve una logica interdisciplinare e gli infermieri sono pronti a collaborare con tutti i professionisti della salute – spiega Maria Ferrari, responsabile dello Studio Infermieristico. – Il nostro obiettivo è garantire prestazioni di alta qualità offerte da professionisti preparati e competenti. Uno dei principi in cui crediamo è l’accessibilità dei servizi, che è strettamente connessa al tema del diritto alle cure e al principio etico di equità. La collaborazione con le farmacie presenti sul territorio va in questa direzione”.