BRENO – Due anni di carcere al “topo d’auto”. L’ultimo colpo all’Italmark

0

Ieri pomeriggio i carabinieri di Cedegolo ed Edolo hanno arrestato un uomo di 40 anni, M. H., di origini italiane, abitante a Malonno, disoccupato e già conosciuto dalle forze dell’ordine per il suo curriculum ricco di precedenti penali. Anche questa volta il noto “topo d’auto” è stato preso per furto su un auto.

Verso le 14 l’uomo si era recato nel parcheggio del centro commerciale Italmark di Sonico e lì ha avuto l’imbarazzo della scelta. Prima ha tentato di aprire una Fiat Multipla, poi ci ha provato con una Citroen C2 e alla fine ha armeggiato sulla portiera posteriore di una Fiat Stilo di una dipendente del centro commerciale, una giovane che suona nella banda del suo paese e che “soffiava” dall’abitacolo lo strumento musicale da lei usato: un flicorno bombardino in ottone.

L’uomo in fretta ha afferrato lo strumento e lo ha caricato sulla sua auto, una Lancia nera ed è ripartito di corsa verso Malonno. Le sue mosse sono state notate, però, da alcune persone che subito hanno segnalato il fatto ai carabinieri. I militari sono intervenuti subito e non hanno faticato a dare un’identità allo sconosciuto grazie alla descrizione del malvivente e della sua auto.

Subito dopo nell’abitazione del ladro hanno perquisito le stanze trovando all’interno di un armadio posto nel garage il bombardino che è stato riconsegnato alla legittima proprietaria. L’uomo, trattenuto in caserma in stato di arresto, è stato processato stamattina al tribunale di Brescia e condannato per direttissima a due anni e due mesi di reclusione.

Fonte: Comando Carabinieri Brescia