CHIARI – 150 anni di Città in festa. Le iniziative durano un anno

0

Quest’anno ricade il 150esimo anniversario del riconoscimento del titolo di Città, concesso con il Regio Decreto n. 882 firmato dal re Vittorio Emanuele II. In realtà, si ristabiliva un titolo di concessione napoleonica poi abrogato dagli Austriaci. La giunta comunale per celebrare degnamente la ricorrenza ha nominato una commissione composta dal vicesindaco Luca Seneci e i prof. Mino Facchetti, Bernardo Scaglia e Giovanni Franco Repossi per produrre un calendario di iniziative.

Il programma è iniziato il 15 febbraio scorso e andrà avanti per un anno fino al 15 febbraio 2013, festa dei santi patroni Faustino e Giovita. Nei mesi scorsi si è tenuta una mostra fotografica sugli “Anni ‘50-’70. Trent’anni di vita clarense dal Fondo Don Luigi Funazzi” realizzata con la Fondazione Biblioteca Morcelli-Pinacoteca Repossi. La rassegna ha presentato, in formati differenti e scatti in bianco e nero e solo negli ultimi anni anche a colori, uno spaccato di Chiari e dell’evoluzione sociale, economica e culturale della città nella seconda metà del Novecento, tra gli anni Cinquanta e Settanta. I volti dei Clarensi e le vedute si sono susseguite a partire dal secondo dopoguerra, al boom economico degli anni Sessanta fino ai difficili Settanta della congiuntura economica. Sempre con la Fondazione si farà la pubblicazione degli Statuta ed Ordinationes Clararum, una prima raccolta di leggi che normavano la vita cittadina.

Il testo del 1429, di cui è disponibile una copia manoscritta del secolo successivo, è stato trascritto, tradotto e corredato di note analitiche da un gruppo di esperti coordinati dalla dott.ssa Ione Belotti, presidente della Fondazione clarense. È stato creato il sito internet 5ottobre 1862, contenitore che raccoglierà il materiale storico, gli eventi e le iniziative celebrative. Sul portale verranno anche pubblicati i Quaderni clarensi per un contenitore realizzato con l’associazione “L’Impronta” che raccoglierà studi e ricerche storiche sulla città a partire dai lavori già custoditi nelle biblioteche e negli archivi fino a quelli che verranno realizzati in futuro da studenti e ricercatori. Poi l’album fotografico con l’associazione “Etnopolis” in cui i clarensi potranno riversare le fotografie in loro possesso che possono costituire patrimonio condivisibile per la storia di Chiari.

Alla ripresa della scuola a settembre, con l’associazione “L’Impronta” verrà bandito un concorso di prosa e poesia per le scuole clarensi di ogni ordine e grado sul tema del 150esimo. I vincitori verranno premiati il 15 febbraio a chiusura dell’anno celebrativo. Sabato 1 settembre piazza Zanardelli ospiterà il concerto di Mauro Pagani. Musicista polistrumentista clarense, affermato anche come produttore, ha fatto parte della Premiata Forneria Marconi e ha collaborato con molti altri autori e musicisti italiani, fra cui, su tutti,  Fabrizio De André, ma anche Gianna Nannini, Ornella Vanoni, Roberto Vecchioni, Massimo Ranieri, Luciano Ligabue e Caparezza.

Pagani, considerato uno dei più grandi musicisti viventi, ha sviluppato temi e ispirazioni non solo dalla musica rock, ma anche dal blues e dalla musica etnica di matrice araba, balcanica e medio-orientale. Sempre da settembre, inizieranno una serie di convegni tematici sulla storia di Chiari e sui cittadini che tale storia hanno costruito e che continuano a fare anche fuori dalle mura locali. Le comunicazioni sono state affidate a Franco Robecchi, che interverrà il 26 ottobre sul tema Lodovico e Franco Mazzotti due diverse personalità dal grande diverso successo.

A Willy Mulonia spetterà il 23 novembre per raccontare la Mongolia, terre di sogni e di conquiste e poi agli archeologi Ivana Venturini e Andrea Breda che il 7 dicembre illustreranno la Storia medievale di Chiari alla luce degli scavi di piazza Zanardelli. Don Giuseppe Fusari, invece, il 18 gennaio guiderà in un itinerario nel patrimonio artististico clarense. Poi saranno relatori anche i clarensi Mauro Pagani e Alberto Piantoni. È già disponibile il concorso fotografico “La mia Città in una foto” i cui scatti migliori accompagneranno i mesi del calendario celebrativo 2013. Per partecipare occorre inviare al Comune di Chiari, tramite il form creato sul portale e cliccando sul link 150° o sul sito internet dedicato, una fotografia ad alta risoluzione (jpg) e in formato orizzontale (massimo 4 Mb) entro il 19 ottobre alle 12.

A questa iniziativa collaborano l’associazione “Etnopolis” e la ditta Eurograpich. A ottobre Villa Mazzotti ospiterà una mostra di francobolli e cartoline su temi clarensi. Nella ricorrenza, venerdì 5 ottobre al Duomo verrà cantato un solenne Te Deum di ringraziamento. Le celebrazioni sono accompagnate dal Premio di Rappresentanza del Capo dello Stato e patrocinate dalla Regione Lombardia e Provincia di Brescia.