GARGNANO – 100 anni fa era sul lago di Garda. Festa per Lawrence

0

“Le acque di questo lago – scrisse David Herbert Lawrence – sono del più bel colore che si possa immaginare: violacee all’ombra e verde smeraldo quando si infrangono sulle rocce bianche”. Ricorre quest’anno il centenario dell’arrivo nel paese gardesano del celebre autore inglese che qui soggiornò in un appartamento ammobiliato al primo piano di Villa Igea nella frazione di Villa, dal 18 settembre 1912 al 30 marzo 1913 insieme alla compagna Frieda Weekley Von Richtofen.

L'autore inglese David Herbert Lawrence

Fu proprio in quel periodo che finì di scrivere il romanzo “Sons and lovers”, lavorò a un volume di poesie che includono “Sunday afternoon in Italy” e “Spring morning” e scrisse “Crepuscolo in Italia”, opera all’interno della quale lo scrittore descrive il territorio gardesano, i ritmi dei suoi abitanti e si interroga circa le sorti del mondo. “Da una parte – scrive – Londra e le province industriali che si spandevano come una macchia nera sul mondo, orribile, distruttiva alla fine. Dall’altra il Garda, così bello sotto il cielo radioso da essere intollerabile… E questa Inghilterra stava conquistando il mondo con le sue macchine e la sua orribile distruzione della vita naturale”.

Per celebrare al meglio l’anniversario, il “Comitato per Gargnano storica”, in collaborazione con il Comune, organizza un ricco e affascinante calendario di eventi. Di seguito i principali: sabato 21 luglio, nell’ex sala consiliare di Gargnano, verrà esposta la mostra “I live here in sunshine and happiness, in exile and povertà”, nel corso della quale verranno esibiti pennelli esplicativi, foto d’epoca, citazioni, riproduzioni della sua corrispondenza e molto altro.

Dal 28 luglio al 15 settembre saranno organizzate anche escursioni guidate per visitare i luoghi in cui Lawrence è vissuto; dal 19 al 23 settembre ci sarà poi una conferenza divulgativa e il simposio internazionale. Verranno, inoltre, proiettati film sulla vita dell’autore, sono previsti tour in barca ed è attesa la partecipazione di noti esperti lawrenciani, provenienti da tutta Europa e perfino dagli Stati Uniti, Asia e Australia.