COSTA VOLPINO – La Tenaris Dalmine conferma gli esuberi, incontro a settembre

0

Nonostante gli investimenti aggiuntivi, la produzione non corrisponde alle stime e l’azienda conferma gli esuberi già annunciati. A settembre un incontro per rivalutare il piano industriale.

Lo stabilimento di Costa Volpino

Comunicato stampa

Si è svolto il 16 luglio scorso l’incontro tra le segreterie territoriali, le RSU e la Direzione della Tenaris con la presenza dell’A.D. Luca Zanotti. Nell’incontro l’azienda ha esposto una panoramica sull’andamento del mercato internazionale e della situazione di Tenaris Dalmine soffermandosi sulla situazione dei vari siti e in specifico del nostro stabilimento di Costa Volpino. L’azienda ha confermato il proseguimento del piano industriale con investimenti aggiuntivi dando anche una positiva panoramica dei dati di stabilimento riguardanti la promice, la qualità, la produzione e la sicurezza.

Per quanto ci riguarda, oltre alla trafila 450 che si prevede operativa entro la metà di settembre, sarà revampato la testa di tempra adattandola a un diametro di 220, oltre al forno 91 che sarà dotato di aspiratore e bancale di carica con catene. Inoltre, consideriamo importante l’investimento non inserito nel piano industriale dell’US PIT del valore di 1.250 k€ , intervento che sarà portato a termine nel mese di dicembre.

Altri investimenti riguarderanno l’area SCEU sulla sicurezza e sulla viabilità del reparto e nell’area CESE verranno revampate le macchine di taglio. Nell’area specifica l’azienda ha mostrato particolare attenzione dimostrata dall’impegno mantenuto di far rientrare la maggior parte delle commesse dai terzisti per effettuare la lavorazione al nostro interno. Ad oggi comunque le prospettive di carico non sono quelle stimate nel piano industriale.

Delle 55 mila tonnellate annue previste di produzione a Costa Volpino nell’anno di budget precedente 2011-12 se ne sono prodotte solo 50 mila e per l’anno prossimo 2012-13 nella più ottimistica delle ipotesi saranno ridotte a 46 mila. L’azienda ha confermato gli esuberi previsti nel piano industriale impegnandosi a rispettare in tutto le modalità di gestione degli stessi dall’accordo sottoscritto al Ministero che prevede anche il ricorso al Contratto di Solidarietà.

Preoccupazioni sono state evidenziate da parte sindacale perché pur risultando positivo l’acquisizione di clienti per la nuova gamma di prodotti sulla nuova trafila si profilano difficoltà sulla gamma medio-piccola, anche perché alle difficoltà legate al mercato dell’auto sono in discussione all’Unione Europea il proseguimento delle azioni antidumping sui prodotti provenienti dai Paesi dell’est e della Cina, con un abbassamento degli stessi già deliberato per i prodotti dall’Ucraina. Ciò comporta una situazione di concorrenza sleale che penalizza le nostre produzioni.

Il ricorso alla cassa integrazione straordinaria per alcuni lavoratori già nel mese di luglio, cosa fino ad ora mai risultata necessaria negli ultimi due anni, evidenzia una situazione di oggettiva difficoltà. E’ stato richiesto un incontro specifico da effettuarsi nel mese di settembre per proseguire la discussione e analizzare più dettagliatamente la situazione.

RSU TENARIS DALMINE Costa Volpino e Segreteria FIOM CGIL Vallecamonica Sebino – Segreteria UIL-UILM Provinciale Bergamo

AdamelloNews.com » Valcamonica