MILANO – La Lega Nord boccia la chiusura dei tribunali di Breno e Salò

0

Sui rischi di soppressione dei tribunali di Breno e Salò come previsto attualmente nel decreto legge sulla “Spending Review” per il taglio della spesa pubblica, è intervenuto il consigliere regionale della Lega Nord Alessandro Marelli che ieri ha presentato una mozione al consiglio della Lombardia.

“Innanzitutto – afferma Marelli – ritengo necessario sottolineare che la soppressione dei due tribunali non comporterebbe alcun risparmio di spesa. Il Tribunale di Brescia è infatti già al limite della funzionalità, anche dal punto di vista edilizio, e quindi per accogliere le Sezioni e il personale provenienti dalle sedi distaccate si dovrebbero affittare o comprare nuovi edifici, con il conseguente e notevole aggravio dei costi.

In secondo luogo, rappresentano una risorsa per i cittadini e non certo uno spreco. Stiamo parlando di territori con alta densità di popolazione e di due strutture che dimostrano con i numeri il loro grado di efficienza.

Solo per quanto riguarda i processi a cognizione ordinaria, nel periodo 2010-11, la Sezione di Breno ha esaurito 399 cause, depositando 194 sentenze, mentre quella di Salò ha esaurito 552 cause e depositato 277 sentenze. Quasi 400 i processi penali esauriti e ammontano a circa 650 i procedimenti esecutivi mobiliari terminati. La mozione – conclude il consigliere – invita il presidente Formigoni e la Giunta a richiedere al Parlamento e al Governo la prosecuzione delle attività giudiziarie nelle Sezioni distaccate di Breno e Salò”.