CONCESIO – Lega Nord contro il sindaco: “Certezze sulla nuova scuola”

0

Sono ormai tre anni che la Lega Nord, attraverso interrogazioni e richieste di aggiornamento sul piano finanziario e sulla progettazione del nuovo Polo scolastico, incalza la giunta di centrosinistra sulla necessità ormai urgente di provvedere a risolvere la situazione critica dei plessi scolastici del paese.

In tre anni abbiamo ricevuto solo risposte evasive, affiancate da ormai decine di annunci a mezzo stampa sull’imminente apertura del “cantiere scuola”, un unico isolato incontro tra commissioni congiunte ha prodotto solo dati statistici e la conferma che l’area del nuovo polo sarà l’attuale superficie delle scuole medie di Sant’Andrea. Ci sembra davvero troppo poco. I cittadini si aspettano fatti concreti che al momento latitano! Opera imponente e necessaria, condivisa da tutte le forze politiche, primo punto dei programmi elettorali delle liste in campo nel 2009, ma drammaticamente in ritardo sulla tabella di marcia.

Nel 2010 fu lo sforamento del patto di Stabilità a impedirne la programmazione, nel 2011 gli stanziamenti previsti non hanno portato a nulla di concreto, quest’anno siamo ancora nel campo delle ipotesi rispetto ad un “finanziamento creativo” che ha poca certezza soprattutto riferita all’impiego degli oneri per l’ampliamento dell’Auchan, come fonte primaria del progetto. Tali oneri dovrebbero essere frutto di una variante al Pgt introdotta nel 2011 (dopo solo 6 mesi dalla pubblicazione sul BURL!!) che la Lega Nord ha sempre contestato sia nel contenuto (l’opportunità di ampliare una struttura di grande distribuzione su un territorio già inflazionato di supermercati medio grandi trova difficile comprensione visto il periodo di difficoltà soprattutto dei piccoli commercianti) sia nel metodo di approvazione, a nostro giudizio viziato da una forzatura rispetto alla mancata modifica del documento di Piano del Pgt che ha di fatto impedito una nuova Valutazione Ambientale Strategica sulla variante stessa.

L’ampliamento in oggetto andrebbe, inoltre, a occupare gran parte dell’area prevista per il prolungamento futuro del Metrobus urbano nella tratta Concesio-Gardone, (area giustamente vincolata nel Pgt, ma stranamente ridotta a pochi metri nella variante!!) ponendo un ostacolo imponente alla sua realizzazione con relativa responsabilità politica sulla mancata attuazione di tale opera strategica per l’intera Valtrompia. Queste ragioni hanno portato una serie di ricorsi, alcuni dei quali già in discussione e in attesa di sentenza, che potrebbero rimescolare le carte e smontare l’impianto della variante, imponendo aggiustamenti che nella migliore delle ipotesi ritarderebbero di molto l’intero iter applicativo e di conseguenza anche il percorso individuato per il nuovo Polo scolastico.

In altre parole, tutto il progetto si fonda su una base molto instabile e che potrebbe crollare da un momento all’altro! In questo quadro tutt’altro che tranquillizzante e frutto di scelte amministrative azzardate e molto discutibili, la Lega Nord manifesta la sua preoccupazione su possibili ricadute negative che vedrebbero un ulteriore ritardo per un’opera ormai essenziale. Sarebbe bastato procedere con le dovute cautele in sede di variante e oggi non ci troveremmo a dover attendere ricorsi amministrativi per essere sicuri di aver individuato un percorso certo e concreto. Di sicuro, qualora i ricorsi trovassero risposta positiva, saremmo di fronte a una debacle completa della politica programmatica e strategica di questa amministrazione, politica che spetta alla maggioranza e non certo all’opposizione visto che ogni tentativo di rimodulare alcune scelte è stato prontamente rigettato al mittente!

Qualcuno, con eccessiva sicumera, potrebbe accusarci di essere troppo pessimisti e che in fondo quei ricorsi non sono un problema, perché tutto l’iter della variante è stato seguito secondo la normativa. Da un lato, per il bene degli studenti di Concesio, possiamo augurarcelo, ma il fatto che anche sul ricorso amministrativo sulla raccolta dei rifiuti, drammaticamente perso dall’Amministrazione, avevamo ricevuto le stesse vane rassicurazioni, non ci rende certo tranquilli! In conclusione, il percorso che porterà Concesio ad avere una nuova scuola sembra finalmente tracciato, non sarà un percorso facile e senza ostacoli, i presupposti non ci fanno propendere per un facile ottimismo, la sensazione è che di annunci ne serviranno ancora molti!

Fonte: Lega Nord Concesio. Matteo Micheli – Silvia Raineri – Carlo Rossi