MILANO – Lega Nord contro Equitalia. Sì alla mozione per cercare l’alternativa

0

E’ stata approvata nel Consiglio regionale della Lombardia una mozione della Lega Nord sulla costituzione di un ente regionale alternativo ad Equitalia per la riscossione dei tributi in Regione. Sulla questione è intervenuto il consigliere del Carroccio Alessandro Marelli.

“Abbiamo voluto presentare questa mozione – spiega – perché siamo coscienti che i metodi utilizzati da Equitalia per il recupero dei crediti degli enti locali e dello Stato sono, in molti casi, vessatori e non distinguono affatto chi volutamente evade le imposte da coloro che, e sono tanti, a causa della crisi economica sono in oggettiva difficoltà. Nel concreto si tratta di un fenomeno che interessa milioni di cittadini che, in una situazione drammatica per la nostra economia, vengono ulteriormente gravati da procedure inique ed eccessivamente vessatorie che non tengono conto delle situazioni individuali.

Oltre a ciò bisogna dire che lo Stato quando deve riscuotere dei crediti si comporta in maniera diametralmente opposta rispetto a quando deve pagare i propri debiti verso cittadini e aziende: in un caso, infatti, i tempi sono ristrettissimi e se non vengono rispettati le sanzioni che ne derivano sono spropositate, nell’altro invece si devono attendere addirittura degli anni prima che i beneficiari possano incassare i quattrini che gli spettano.

Proprio per queste ragioni, guardando anche l’esempio del Piemonte dove è al vaglio un progetto simile, abbiamo deciso di proporre l’istituzione di un’agenzia regionale di riscossione dei tributi. Nel concreto, si tratterebbe di creare un ente alternativo ad Equitalia in grado di applicare interessi moratori inferiori rispetto a quelli attuali che ad oggi possono raggiungere anche il 9%, una percentuale vicina allo strozzinaggio. La mozione che abbiamo approvato oggi – conclude Marelli – chiede al presidente e alla Giunta di attivarsi per verificare la fattibilità del progetto e di farsi portatori di queste istanze di fronte al Governo nazionale”.