ADRO – Comitato 1519: no cemento alla Madonna della Neve

0

I cittadini di Rovato, Erbusco, Corte Franca, Cazzago e Adro hanno costituito il “Comitato 1519”. Questo gruppo sta raccogliendo firme contro il Piano di Governo del Territorio che sarà approvato a breve.

Il piano prevede la costruzione di nuove strade e rotonde, una modifica alla viabilità che comporterebbe, a detta del Comitato, una riduzione del verde accanto alla zona in cui è situato il Santuario della Madonna della Neve.

La zona in cui è situato il santuario è circondata da verde, non è mai stata “minacciata” dalla cementificazione, mantenendosi con il tempo un’area verde incontaminata dal traffico urbano. Il comitato sta raccogliendo firme per impedire la costruzione nella zona interessata, fino ad ora le firme raccolte sono 500, e si incontreranno proprio di fronte la Madonna della Neve con banchetti per la raccolta il 17 e il 24 giugno.

Il nome del Comitato, 1519, deriva proprio dall’anno in cui è apparsa la Madonna e dove poi è stato eretto il santuario. Oltre a nuove strade, per migliorare la viabilità, sembra saranno costruite nuove villette ed esiste un progetto per un’Università del vino.

Nel territorio accanto al Santuario della Madonna della Neve sorge un istituto paritario, composto da scuole medie e elementari, oltre che da un liceo scientifico, classico e linguistico. L’Istituto è gestito dai Padri Carmelitano Scalzi. Un appello preciso fatto dai cittadini di Adro, e non solo, per mantenere il verde in un’area importante dal punto di vista storico e culturale per il paese.