BRESCIA – Lavori usuranti: obbligo del datore

0

Con la nota n. 9630 del 23 maggio scorso, la Direzione Generale per l’Attività ispettiva del Ministero chiarisce che la comunicazione in argomento riguarda solo i casi di effettivo svolgimento del lavoro notturno e che quindi il calcolo delle giornate lavorative sarà svolto a prescindere sia dal relativo trattamento economico e contrattuale, che dallo scomputo dei periodi totalmente coperti da contribuzione figurativa (comma 3, art. 1, D.Lgs. 67/2011).

In altre parole i periodi utili ai fini dell’applicazione della norma vanno verificati solo in base al lavoro effettivamente prestato, indipendentemente dal trattamento contrattuale disposto in materia. Pertanto, in relazione alla fattispecie di cui all’art. 1, comma 1, lett. b), n. 1) (lavoratori notturni a turni), la comunicazione andrà effettuata se il lavoro notturno prestato nell’intero 2011, dal lavoratore occupato per l’intero anno ed in via esclusiva dallo stesso datore di lavoro, ammonti ad almeno 64 giornate.

Riguardo alla successiva fattispecie di cui alla predetta lett. b) n. 2) (casi diversi di lavoro notturno) la comunicazione andrà inoltrata solo nei casi di lavoro notturno effettivamente svolto per almeno 3 ore giornaliere nell’arco dell’intero anno, escludendo pertanto il lavoro svolto in periodi inferiori. In entrambi i suddetti casi, peraltro, qualora il datore di lavoro non sia in grado di conoscere le effettive giornate di lavoro prestate nell’anno a causa di assunzione, o cessazione, del rapporto di lavoro intervenuta nel periodo in esame, la comunicazione dovrà riguardare comunque tutte le giornate di lavoro notturno svolto, indipendentemente, quindi, dal rispetto o meno dei requisiti minimi di legge (cioè i 64 giorni per il lavoro a turni o l’intero anno lavorativo negli altri casi).

In tali casi, precisa infatti il Ministero, è possibile che i requisiti previsti dalla Legge siano maturati con più rapporti di lavoro svolti nell’arco dell’anno. Il termine di scadenza per la comunicazione è stato il 31 maggio.

Clicca allegato 1