BRESCIA – Abbonamento speciale alla tv: ci sono aggiornamenti

0

La Rai sta inviando alle aziende una nuova comunicazione rielaborata alla luce della nota interpretativa del Ministero dello Sviluppo Economico.

E’ prassi consolidata da parte della RAI considerare ogni soggetto un “potenziale utente non abbonato”, quindi, presumendo il possesso di apparecchi soggetti al pagamento di tale tassa sta, inviando una nuova lettera a tutte le aziende, creando di nuovo allarme.

Le associazioni di categoria, in testa Confartigianato, ritengono che in base alla nota ministeriale sono esplicitamente esclusi dal pagamento dell’Abbonamento Speciale i PC senza sintonizzatore TV nonché i monitor per computer.

Tale orientamento è stato ampiamente discusso e condiviso con la RAI stessa durante l’incontro del 3 aprile scorso, al quale hanno partecipato le Organizzazioni confederate. Devono pagare il canone di abbonamento speciale coloro che detengono uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radio-televisivein esercizi pubblici, in locali aperti al pubblico o comunque fuori dell’ambito familiare, o che li impiegano a scopo di lucro diretto o indiretto. Clicca qui

A chiunque non possieda tali apparecchiature l’indicazione che le associazioni di categoria danno è di rispondere (come peraltro richiesto al terzo paragrafo della lettera RAI) attraverso la cartolina preaffrancata, specificando nello spazio “eventuali altre comunicazioni”, di non essere tenuti al pagamento della tassa in quanto sprovvisti degli apparecchi ad essa soggetti. Vedi il fac-simile-RAI di risposta da inviare eventualmente per raccomandata.