CHIARI – Controlli regolari sui contributi regionali alla Polizia

0

La commissione regionale di Controllo giovedì scorso 10 maggio ha eseguito un’ispezione presso il Comando di Polizia Locale per verificare l’impiego dei finanziamenti erogati al Comune dalla Regione ai sensi della LR 4/2003 per i progetti di Sicurezza urbana nel 2007, 2008 e 2009. Il verbale redatto al termine della verifica ispettiva, ai sensi dell’art. 42 della Legge Regionale 4/2003, per le dotazioni tecnico-strumentali e di videosorveglianza acquistate con i finanziamenti regionali ha avuto esito positivo.

“I finanziamenti concessi dalla Regione Lombardia per i progetti di Sicurezza presentati dal Comando nel triennio 2007-2009 – ha precisato il comandante Michele Garofalo – sono stati erogati al 50%: il Comune ha concorso all’entità delle spese con almeno un altrettanto 50%. In realtà, per ciascuna delle annualità considerate dal 2007 al 2009, il Comune è intervenuto con una somma superiore alla quota minima richiesta. Nel 2007, infatti, il contributo regionale è risultato pari a 20.636 euro mentre il Comune ha stanziato la somma di 35.081 euro per un investimento totale di 55.717 euro impiegati per finanziare la realizzazione e l’implementazione del sistema di videosorveglianza sul territorio comunale, per il sistema di allarme presso il Comando di viale Bonatelli, per la dotazione di armi e la loro custodia in un armadio blindato, l’acquisto di un videoproiettore e di un gruppo elettrogeno e per il sistema di oscuramento delle vetrate della caserma di Polizia.

Nel 2008 il contributo regionale pari a 16.424 euro, integrato da quello comunale per 25.532 euro, ha portato a un totale di 41.956 euro utilizzati per il potenziamento del sistema di videosorveglianza e per l’acquisto di un veicolo elettrico per gli agenti di Polizia Locale, di giubbotti antiproiettile e arredi per la caserma. Nel 2009 il contributo regionale di 8.764 euro, con l’aggiunta del finanziamento comunale di 12.194 euro per un investimento totale di 20.958 euro, è stato destinato all’allestimento del centralino telefonico della caserma, all’acquisto di un videoproiettore,  di un computer, del videocitofono e altri interventi di ristrutturazione del Comando.

Sono onorato di essere stato scelto dalla Regione per un’ispezione di questo genere che, a mio parere, dovrebbe essere eseguita presso tutti gli enti pubblici che ottengono finanziamenti da enti superiori o dallo Stato e i risultati dovrebbero essere resi pubblici, come noi stiamo facendo. La verifica ispettiva, in un momento così delicato per la situazione economica italiana, consente alla Polizia Locale e al Comune di mostrare ai cittadini e alle istituzioni la nostra completa trasparenza per quanto concerne l’utilizzo dei fondi ottenuti.

La nostra professionalità – conclude il comandante Michele Garofalo – in questi ultimi anni è cresciuta notevolmente grazie a questi contributi e attraverso l’impiego delle risorse economiche erogate dall’amministrazione comunale che ha voluto contribuire al compimento dei progetti sicurezza finanziati dalla Regione con il preciso obiettivo di potenziare i servizi ai cittadini e di conseguenza la Sicurezza urbana”.