BRESCIA – Campi sintetici con costi alti, Mandelli allerta la LND

0

Si è tenuta nei giorni scorsi nella sede dell’assessorato allo Sport della Provincia, la conferenza stampa di presentazione delle iniziative proposte da Fabio Mandelli per abbattere il costo dell’omologazioni dei campi in erba artificiale che ospitano competizioni del campionato della Lega Nazionale Dilettanti e del Settore Giovanile e Scolastico. Presenti con l’assessore anche il sindaco di Ome Aurelio Filippi e il presidente dell’associazione sportiva “Leonessa Calcio” Giorgio Filippini.

Le società sportive e i proprietari, soprattutto Curia e amministrazioni comunali, devono affrontare ogni quattro anni dalla realizzazione del campo una spesa di circa 4.800 euro per l’omologazione. L’assessore Mandelli ha spiegato come un anno fa, dopo una riunione con il presidente nazionale della commissione impianti sportivi in erba artificiale Antonio Armeni, la Provincia avesse proposto un’ipotesi di protocollo per tagliare i costi alla società che è autorizzata alla determina dell’omologazione, cercando quindi di scontare la cifra ai proprietari dei campi, ma ad oggi la LND non ha ancora dato una risposta.

“Sono circa 60 i campi sportivi sulla provincia di Brescia (tanti sono in costruzione) e sono state molte le richieste pervenute presso il mio assessorato per risolvere il problema degli alti costi”. Così ha commentato l’assessore Fabio Mandelli. “Ci eravamo impegnati a diffondere la cultura della manutenzione e al tempo stesso migliorare l’iter delle omologazioni cercando di contenere i costi. Questo avrebbe permesso alle società sportive di preservare la salute degli atleti e avere un risparmio economico importante, ma ad oggi non abbiamo ricevuto nemmeno una risposta. Il problema è che questi costi iniziano a diventare onerosi per tutte le associazioni sportive presenti sul territorio provinciale e rischiano di soffocare il lavoro di tanti volontari”.

A rappresentare è intervenuto anche il sindaco di Ome, Aurelio Filippi. “Questi costi sono improponibili, soprattutto se si parla di prima omologazione. Una cifra spropositata per i campi in sintetico nuovi. Anche noi, come amministrazione comunale, siamo molto in difficoltà e apprezziamo il lavoro che è stato portato avanti dall’assessore Mandelli, poiché i nostri bambini e le nostre associazioni sportive hanno bisogno di risposte. Dalla prossima stagione rischiamo che questo costo obblighi le associazioni ad aumentare le quote di iscrizione per le scuole calcio. Un ulteriore onere a carico delle famiglie”.

“Una spesa difficile da sostenere per tutte le associazioni sportive – ha commentato così anche il presidente della Leonessa Calcio – che minano ai tanti sacrifici che quotidianamente dobbiamo affrontare per offrire ai nostri ragazzi un servizio adeguato a prezzi abbordabili”. “Questa è una protesta formale – ha concluso l’assessore Mandelli – e parlando anche a nome dei Comuni e della associazioni posso assicurare che non ci fermeremo finché la LND non ci darà una soluzione. Scriverò nuovamente a tutti i sindaci della Provincia per concordare con loro una linea contro questa fastidiosa situazione”.

LEGGI IL PROTOCOLLO D’INTESA DELLA PROVINCIA

I CAMPI SINTETICI