BOTTICINO – “Goi de Contala” al Tadini. In scena la musica bresciana

0

Si terrà domenica 6 maggio alle ore 20,30 (ingresso gratuito), al teatro “don Arcangelo Tadini” in piazza IV Novembre, lo spettacolo musicale e teatrale in dialetto bresciano per la rassegna “Goi de Cöntala?” ispirato al titolo che Cristian Delai, presidente dell’associazione “PalcoGiovani”, ha dato alla nota compilation di artisti bresciani che propongono brani inediti in dialetto, giunta all’undicesima edizione e da due anni aiutato dall’Etichetta Diffusione Arte che si preoccupa di distribuire il cd nei negozi musicali in città e in tutta la provincia, oltre che sui canali web dedicati alla vendita online delle tracce musicali.

E’ un evento che vuole anticipare la presentazione del “Goi de Cöntala? Vol. 12” che avverrà in autunno, precisamente l’1 dicembre al teatro “Santa Giulia” al Villaggio Prealpino. Domenica, invece, sul palco del “Tadini” si alterneranno Emanuela Biancardi, Renato Bertelli e Sergio Minelli che proporranno alcune canzoni presenti nei cd delle passate edizioni del “Goi de Cöntala?” e che saranno da cornice al protagonista della serata: Francesco Braghini, noto poeta e cantautore bresciano che quest’anno ha festeggiato 80 anni.

Braghini è stato uno dei primi promotori della musica in dialetto bresciano, ma anche di piccole storie e poesie, fonte d’ispirazione di diversi cantautori oggi noti nel panorama concertistico locale come i fratelli Cinelli, i “Luf” e molti altri. Antonio D’Alessandro, presidente dell’associazione “Giovanni Paolo Maggini” promotrice dell’evento insieme all’assessorato alla Cultura del Comune, ricorda che Braghini intorno agli anni ’70 è stato maestro delle scuole elementari proprio a Botticino, dove oggi ha sede la scuola di musica della quale è presidente, e in quegli anni il maestro scrisse la canzone “Bottisì” in omaggio proprio al paese nel quale prestava servizio come docente.

Sarà poi Avelino Busi l’altro ospite d’eccezione, originario di Botticino e altro importante autore di poesie e storie per bambini in dialetto bresciano che grazie agli attori Roberto Capo e Sara Crescini proporrà alcune pagine del suo repertorio.