BRESCIA – Lavoratori “sminuiti”: no apprendisti

0

In tema di apprendistato, la Corte di Cassazione ha chiarito che, nell’ipotesi in cui lavoratori siano destinati allo svolgimento di mansioni diverse e meno complesse rispetto a quelle previste dalla formazione del contratto di apprendistato, vige in capo al datore l’obbligo del riconoscimento dell’ordinario rapporto di lavoro subordinato nei confronti degli apprendisti fittizi.

In particolare la Suprema Corte, con la sentenza n. 5773 del 12 aprile scorso, ha precisato che in caso di assegnazione agli apprendisti di compiti meno complessi di quelli oggetto della qualificazione, non può configurarsi un contratto di apprendistato e l’azienda è tenuta al pagamento di differenze retributive e contributive.