GIANICO – Forza Nuova in campo con il comitato: “No all’amianto”

0

Ieri mattina, sabato, nella centrale piazza Roma del paese camuno Forza Nuova ha organizzato un banchetto per la raccolta di firme a supporto dell’ iniziativa già intrapresa dal comitato “No Amianto”, sorto alcuni mesi fa quando si è diffusa la notizia del progetto di un impianto di trattamento in Valcamonica.

Sembrerebbe, infatti, che le Ferriere Scabi abbiano intenzione di realizzare all’interno dell’area industriale di Gianico un grande impianto di smaltimento dell’amianto per oltre 70 mila tonnellate l’anno. “Una cifra ‘mostruosa’ – dice Forza Nuova – se si considera poi l’alto tasso di inquinamento della valle”. Il partito, come spiegato ai numerosi cittadini accorsi a firmare, contesta la realizzazione di questo impianto per una serie di motivi ambientali e sociali.

La tecnica di smaltimento dell’amianto attraverso un processo di cottura a 1300°, infatti, non darebbe alcuna garanzia. C’è il rischio di emissioni nocive in atmosfera e conseguenti contaminazioni della falda acquifera. Ma il problema principale sarebbe: “le oltre 50 mila tonnellate annue di materiale inerte ottenuto dalla lavorazione dell’amianto dove andrebbero stoccate? – si chiede Forza Nuova – In altre discariche?

Appare evidente, quindi, che dietro tutta la pressione della Regione Lombardia per la realizzazione di questo impianto, ci sia in realtà un gruppo di lobbisti mafiosi, imprenditori senza scrupoli e politici corrotti (si veda, ad esempio, il recente caso “Nicoli”) pronto a speculare sulla salute degli Italiani. Forza Nuova, che da sempre si è fatta carico delle istanze sociali e ambientali dei cittadini Bresciani, si opporrà con tutte le sue forze allo smaltimento dell’amianto in Valcamonica”. Il banchetto di Gianico è il primo di una serie di iniziative che porterà il partito a un maggiore radicamento nel territorio della valle, anche attraverso la costituzione di un nuovo nucleo militante.