VALTROMPIA – Armi in vetrina all’Exa. Con una “finestra” sulle tradizioni

0

In occasione della 31esima edizione di “Exa 2012”, che apre i battenti oggi, sabato 14 aprile alla Fiera di Brescia fino al 17, sono stati presentati il cortometraggio e il concept site La Fucina di Vulcano, realizzati nell’ambito del progetto “L’identità mineraria, siderurgica e armiera come volano per una nuova fruizione del patrimonio storico-culturale della Valle Trompia e del bresciano” e realizzati dalla casa di produzione bergamasca “LAB80 film”, per la regia di Alberto Valtellina e con il cofinanziamento del Sistema Museale della Comunità montana con quello della Regione Lombardia.

Dopo una prima parziale presentazione, avvenuta l’11 novembre scorso nei locali di Villa Glisenti a Villa Carcina, il progetto si è concluso in questi giorni con la masterizzazione di 500 dvd in distribuzione alle sedi museali e biblioteche del territorio valtrumplino. Sia il concept site che il dvd si collocano nell’ambito di un più ampio progetto dedicato alla tradizione del ferro, alla lavorazione mineraria, siderurgica e armiera, che vede da anni impegnato il Sistema museale nella valorizzazione del proprio territorio, quale “fonte privilegiata” ricca di storie e stratificazioni, al punto da consentire interessanti sperimentazioni anche in una dimensione non solo museale.

Il concept site, che si presenta come un tradizionale sito web, dà voce all’immenso patrimonio di aspetti intangibili e immateriali, attività, arti, espressioni e saperi riguardanti soprattutto la vita quotidiana legata alla cultura del ferro, andando oltre i beni storici, artistici, architettonici e museali. Accedendo ai siti on line della Fucina e di Ferro e Armi, il visitatore avrà la possibilità di percorrere diversi “itinerari” virtuali – individuati per luoghi, storia, tecnica, uomini, lavoro e suoni – che escludono ogni aspetto istituzionale, affidando il racconto alle videointerviste rilasciate da molti di quelli che ancora oggi operano all’interno dei musei legati alla filiera del ferro e nelle fabbriche di armi in Valtrompia.

Il lavoro svolto ha permesso di realizzare un ambiente virtuale nel quale sono inseriti numerosi cortometraggi di lunghezza variabile (dai 30 agli 80 secondi) per un totale di quattro ore di girato, caricati in ordine casuale all’entrata di ogni nuovo utente. La mole di lavoro è stata poi condensata in un filmato di 24 minuti che raccoglie solo alcuni dei 250 filmati visibili sui due portali. Oltre alla Comunità montana e la Regione Lombardia, il progetto complessivo è stato condotto avvalendosi di un’ampia rete di soggetti pubblici (Museo delle Armi Luigi Marzoli di Brescia, quello delle Armi e della Tradizione Armiera – Archivio Storico della Caccia di Gardone, Le Miniere e Miniera Marzoli di Pezzaze e I Magli di Sarezzo), privati (Fondazione Museo dell’Industria e del Lavoro – Musil, Museo della Guerra Bianca in Adamello di Temù, Agenzia Parco Minerario dell’Alta Valtrompia, Associazione La voce delle cose, Consorzio Armaioli Italiani, Euroarms Italia srl) e con il contributo finanziario della ditta “Guido Glisenti” di Villa Carcina per la realizzazione del dvd.

Gli audiovisivi potranno essere acquistati al prezzo di 5 euro durante le giornate di apertura di Exa all’interno dello stand del Sistema museale valtrumplino (nr.B01, il primo a sinistra entrando dall’ingresso principale); per richiederne una copia e avere altre informazioni si può contattare il Sistema allo 030.8337494 e all’indirizzo e-mail o consultare il sito internet. Nell’ottica di una sempre maggiore valorizzazione e diffusione della conoscenza della produzione armiera valtrumplina, la Fiera fornirà anche l’occasione di promuovere la quinta edizione della Manifestazione di Tiro Storico, organizzata dal Museo della Guerra Bianca in Adamello di Temù, e in programma al poligono “Valle Duppo” di Lodrino sabato 26 e domenica 27 maggio.

Durante la “due giorni”, aperta a tutti, verranno riproposte le quattro posizioni di tiro storiche indicate nella manualistica di inizio ‘900, utilizzando bersagli lontani da quello “a punteggio” di solito usato nelle gare tradizionali, ma senza tralasciare la dimensione ludica e sportiva, sullo sfondo della media montagna della valle. L’iniziativa, sostenuta da numerosi sponsor privati, è patrocinata dalla Regione, Provincia di Brescia, Comunità montana, Comuni di Casto e Lodrino e dal Consorzio Armaioli Italiani. Per altre informazioni si può visitare il sito internet oppure contattare l’organizzazione al 339.4098828 e alle mail di tirostorico e valleduppo.