BRESCIA – Csai, Pirelli e Racing Lions per Stefano Albertini su Peugeot

0

Sarà Stefano Albertini, il 25enne pilota di Vestone, a vestire, nel campionato italiano rally, già dal “1000 Miglia”, i colori della seconda vettura della scuderia Racing Lions, quella di Andreucci, per capirci. L’unione tra Csai, Pirelli e scuderia stessa permetterà al bresciano di gareggiare in cinque prove del CIR con la Peugeot Super 2000.

Albertini su Peugeot in gara a novembre 2011

Il regolamento del CIR,  per quanto riguarda l’assegnazione dei punti alle case costruttrici, prevede la partecipazione di due vetture di cui una guidata da un Under 28. Da qui la scelta su Albertini. Dopo i successi nel CIR Junior, nel trofeo Renault e gli ottimi risultati conseguiti lo scorso anno nell’Intercontinental Rally Challenge, Alberti avrà nuovamente la possibilità di mettere in mostra le sue indiscusse qualità.

Albertini è reduce dalla brillante prestazione di domenica scorsa al Valli Piacentine dove ha ottenuto il sesto posto assoluto e il primo tra le due RM con la consueta Renault Clio. “Per me – dice Albertini, che nonostante la notizia, manifesta un entusiasmo contenuto, cosciente dell’impegno che dovrà affrontare e degli avversari con cui si dovrà scontrare a parità di vettura – è una grossa opportunità. Spero che tutto vada per il verso giusto. Ho utilizzato la Peugeot solo una volta lo scorso novembre in una Ronde ottenendo il quarto posto assoluto”.

Debuttare nella gara di casa porterà delle pressioni superiori che altrove, visto i tanti supporter che il pilota di Vestone vanta e che lo vorranno vedere lottare con Andreucci. La Csai, attraverso il suo presidente Angelo Sticchi Damiani, ha riconosciuto nel pilota di Vestone, “uno dei talenti migliori del nostro vivaio. Da qualche stagione stiamo seguendo la carriera di  Albertini e anche lo scorso anno siamo stati vicini supportandolo anche economicamente. Ora siamo riusciti a supportarlo anche in questa nuova esperienza nel Cir, con una vettura della categoria Super 2000”.

Certamente una grande avventura che gli permetterà di combattere ad armi pari e confrontarsi con i migliori del rallismo tricolore. “Il presente e il futuro delle nostre iniziative per la crescita dei nostri giovani talenti – conclude Sticchi Damiani – deve passare e passerà attraverso la più ampia e fattiva collaborazione con le imprese di maggior spicco, che lavorano nel settore”. Pirelli e Racing Lions sono certamente tra queste.