BRESCIA – Estetica da laurea. Criteri per il diploma da podologo

0

Si informa che da giugno verranno emanati – da parte di tutte le Regioni – gli avvisi pubblici riportanti le modalità con cui gli interessati potranno inoltrare la domanda per il riconoscimento dell’equivalenza al titolo di podologo (come da circolare del Ministero della Salute del 20/9/2011), per il quale è attualmente prevista la formazione universitaria, secondo quanto previsto dal DPCM 26 luglio 2011, pubblicato in GU n. 191 del 18/8/2011, che ha aperto la strada al riconoscimento dei titoli e dell’esperienza professionale acquisita da parte dei vecchi operatori pedicure/callisti.

La norma in questione prevede l’ammissibilità all’istruttoria e alla successiva valutazione i titoli conseguiti anteriormente al 17 marzo 1999 che consentivano lo svolgimento dell’attività di podologia nella forma, prevalente, di callista/pedicure e l’erogazione di prestazioni ricomprese nell’attuale profilo professionale del podologo, di cui si riporta la definizione, per opportuna memoria.

1. Il podologo è l’operatore sanitario che in possesso del diploma universitario abilitante, tratta direttamente, nel rispetto della normativa vigente, dopo esame obiettivo del piede, con metodi incruenti, ortesici ed idromassoterapici, le callosità, le unghie ipertrofiche, deformi e incarnite, nonché il piede doloroso;

2. Il podologo, su prescrizione medica, previene e svolge la medicazione delle ulcerazioni delle verruche del piede e comunque assiste, anche ai fini dell’educazione sanitaria, i soggetti portatori di malattie a rischio;

3. Il podologo individua e segnala al medico le sospette condizioni patologiche che richiedono un approfondimento diagnostico o un intervento terapeutico;

Per avere informazioni sulla procedura per la richiesta di riconoscimento dell’equivalenza e i requisiti richiesti è possibile contattare lo 030.3745324.