BOVEZZO – Tragedia via Brede, il ricordo “scolpito” nel parco 2 Aprile

0

Dopo dodici anni il ricordo di quanto successo il 2 aprile è ancora forte e il sentimento di commozione e memoria si sono manifestati anche oggi, sabato 31 marzo, nel parco urbano 2 Aprile in occasione dell’anniversario della tragedia di via Brede, dove una palazzina crollò in seguito a una fuga di gas provocando cinque vittime.

Mai come in questo momento si può dire che il ricordo rimarrà scolpito nella pietra, visto che proprio oggi, nel parco dedicato all’evento e a pochi passi dalla via, è stata inaugurata la scultura dell’artista trevigiano Vinicio Momoli, già collaboratore in passato con il Comune valtrumplino e conosciuto a livello internazionale. Il raduno si è tenuto davanti ad autorità e cittadini, con il sindaco Antonio Bazzani e il vice Nicola Fiorin a fare da padroni di casa.

In mezzo l'artista Vinicio Momoli

Erano le 11,05 del 2 aprile 2000 quando un boato sconvolse la comunità lasciando sotto le macerie i corpi di Luca e Roberto Archetti, Carlo Bonardi, Cristina Faccio e Angelo Pizzuto che ogni anno vengono ricordati per la storia che ha turbato il paese. L’opera in questione si chiama “Ombre di via Brede”, è costruita in pietra grezza di Asiago, grande oltre un metro per tre e rappresenta due figure umane scavate nella materia, come se nei buchi si fosse materializzata l’anima delle vittime di via Brede.

Una scelta non casuale, come ha spiegato il primo cittadino, quella di installare la scultura nel parco visto che da sempre lo spazio urbano del relax bovezzese rappresenta un punto di svago e divertimento giovanile, come giovani erano le vittime della palazzina. Accanto al manufatto in pietra, è visibile anche una targa che “scolpisce” nella mente di chi passa da qui un ricordo che non andrà mai via. E la musica di un violoncello, intonante alcuni brani di Bach, ha regalato attimi di contaminazione con l’arte e l’emozione.

La fatica dell’artista non si è esaurita, però, al parco urbano, ma continua nella Sala Colonne davanti al municipio in via Veneto dove è allestita una personale di arte moderna. La mostra rimarrà aperta fino al 7 aprile e si può visitare tutti i giorni dalle 15 alle 19. L’ingresso è libero.