OME – San Michele ritrova la Pala d’Altare. Indagini tra i furti sacri

0

La Pala d’Altare rubata nella notte tra il 28 e il 29 febbraio nella Chiesa di San Michele è stata ritrovata dai carabinieri di Passirano e Gardone Valtrompia in un garage situato a Brescia nei pressi di via Torricella.

San Michele a Ome

L’arresto per ricettazione e furto è scattato subito per un 35enne. L’uomo si è subito difeso dicendo che l’opera d’arte, la cui tela è stata ritrovata avvolta in un tappeto, fosse l’eredità di una zia deceduta.

Le indagini dei carabinieri si sono concentrate sui precedenti di uomini legati ai furti sacri. Questo tipo di opere non è facile da smerciare, chi si occupa di furti nel settore dell’arte deve avere contatti molto particolari per poi rivendere la refurtiva.

La Pala d’altare trafugata raffigura San Michele che sconfigge il drago con una lancia. Nell’opera compare anche San Francesco e un uomo, probabilmente il committente dell’opera, sconosciuto, e sullo sfondo è raffigurata la Madonna con Gesù Bambino.

Oltre alla Pala sono stati ritrovati altri oggetti sacri e la patena d’ottone dorato rubata nella notte dell’1 marzo a Santa Maria del Giogo a Polaveno. Venerdì prossimo al termine della via Crucis, la Pala di San Michele sarà ricollocata nella sua originale postazione.