EDOLO – “Coster” si allarga. Energia in casa da 2,3 mln con Gibelli

0

“Coster” investe sul territorio e ha inaugurato il nuovo stabilimento, un ampliamento e un’ottimizzazione della struttura preesistente per un investimento di 2,3 milioni di euro totalmente autofinanziati. Il “taglio del nastro” è stato l’occasione della visita del vice governatore e assessore all’Industria della Regione Lombardia Andrea Gibelli, arrivato in azienda per la 48esima tappa dell'”Assessorato Itinerante”, l’iniziativa che prevede una serie di visite a industrie lombarde per avvicinare la politica alle esigenze delle imprese sul territorio.

Fonte: Bresciaoggi

“Coster” chiude l’anno con un fatturato di 20 milioni di euro che segna positivo e investe sul territorio ampliando l’unità produttiva bresciana presso la quale sono impiegati 45 degli 89 dipendenti totali. 3.200 metri quadri in gran parte occupati dal settore logistica e da quello di ricerca e sviluppo vanno ad aggiungersi ai 3 mila esistenti, mentre al montaggio e al collaudo elettronico viene destinato l’ampliamento dei 1.000 metri quadri già dedicati.

Per una superfice totale di 6.200 metri quadri e un autofinanziamento di 2,3 milioni, l’azienda ha scelto di ottimizzare produzione e servizi investendo nel miglioramento delle proprie prestazioni e proponendosi sul mercato come leader italiano nella Building Automation, una realtà in continua crescita capace di porsi come attore strategico per la base lombarda del controllo di energia. L’assessore regionale Gibelli ha incontrato i vertici aziendali e visitato la struttura per approfondire la conoscenza di questa realtà.

“L’economia di montagna non è arrivata al capolinea come tanti economisti tentano di sottolineare, ma ci vogliono alcuni ingredienti: il coraggio degli imprenditori, la qualità del lavoro e la tecnologia che non può mancare e che serve a qualsiasi latitudine. Tutto questo è un mix vincente – ha detto Gibelli.- Le istituzioni devono fare quello che chiedono gli imprenditori. Serve creare delle infrastrutture, ridurre il costo dell’energia, un peso fiscale evidentemente più basso rispetto a quello attuale. La forza imprenditoriale e gli strumenti che la Regione sta mettendo a disposizione  possono incentivare questa iniziativa”.

L’incontro ha dato l’occasione per stabilire un legame diretto con il Pirellone e il suo vice presidente assessore, rafforzando così il legame fra istituzioni e imprenditoria locale; un rapporto che “Coster” auspica possa anche implementare la divulgazione di un approccio etico al problema energetico, una consapevolezza che diventi patrimonio del mercato e di un più ampio numero di persone possibile.