PARATICO – Bosco dei Tassodi sotto la lente, 10 mila mq da salvare

0

Il progetto iniziale prevedeva alcune modifiche al bosco dei Tassodi, passerelle esterne in legno e percorsi per accedere al territorio dove il lago incontra il fiume. Questa proposta è stata modificata, l’intervento che voleva una valorizzazione del sito per il turismo sarà attentamente riconsiderata.

Bosco dei Tassodi

Il sindaco Maria Giulia Venturi e l’assessore all’Urbanistica Francesco Pianegonda preferiscono tutelare il bosco, la flora e la fauna del territorio che ha assunto l’aspetto attuale tanto lodevole grazie all’assenza dell’uomo.

Il Bosco dei Tassodi sono 10 mila metri quadrati di territorio incontaminato, selvaggio e lasciato vivere senza interventi umani. Conserva  una caratteristica unica, contiene circa trecento piante di Taxodium Distichum.

L’esemplare è una pianta acquatica proveniente dalla Florida. Le sue radici escono dall’acqua. Negli anni alcuni tronchi si sono staccati cadendo di traverso e rendendo il luogo ancora più fiabesco, un territorio naturale, abbandonato al naturale decorso degli eventi.

Il sito a breve sarà studiato da un esperto botanico che valuterà gli interventi possibili sul Bosco, senza danneggiare la flora e la fauna presenti.

Saranno esaminati gli impatti di una probabile fruizione turistica sul luogo. Il parco è sotto la competenza del Parco dell’Oglio, con il quale il sindaco dovrà presto trovare un accordo per qualsiasi intervento si deciderà di attuare.