VILLA CARCINA – A San Giacomo visita “storica” del card. Giovan Battista Re

0

L’ultima visita nel paese valtrumplino di un pastore cardinalizio fu circa duecento anni fa, quando giunse l’allora cardinale Carlo Borromeo, divenuto poi santo.

L’arrivo del cardinale Giovan Battista Re è stato quindi vissuto come un evento dalla popolazione laica e religiosa. Oggi, sabato, tra l’altro, ricorre il 55esimo anniversario di ordinazione sacerdotale  dello stesso prelato bresciano, accolto nella parrocchiale di San Giacomo Maggiore di Carcina.

A fare gli onori di casa il parroco di Villa Carcina don Franco Bonazza e altri sedici sacerdoti che insieme al cardinal Re hanno condiviso gli anni del seminario e l’ordinazione. La visita in paese si deve a mons. Serafino Corti, originario di Villa Carcina e attualmente delegato vescovile per gli incarichi particolari.

La messa solenne è stata presieduta dal cardinale e dagli stessi sacerdoti. Una medaglia in oro e argento è stata donata dal parroco a ognuno dei prelati, mentre una targa a nome della cittadinanza è stata consegnata dal sindaco Gian Maria Giraudini.

Alla cerimonia erano presenti numerose autorità, oltre ai membri della giunta di Villa Carcina con in testa il primo cittadino, anche l’assessore alla Cultura in Comunita montana Elisa Fontana e il comandante della compagnia dei carabinieri di Gardone Riccardo Ponzone.