BRESCIA – Focsiv: mancano 44 mln per il Servizio civile. “Risparmio” sugli F35

0

Al servizio civile mancano 44 milioni di euro rispetto ai 113 previsti per il 2012 e anche la cooperazione internazionale è ai minimi storici. Se il Governo non troverà le risorse, il bando non ci sarà e per tutto il prossimo anno anche la cooperazione e le ONG non avranno fondi per avviare progetti di sviluppo nei Paesi impoveriti dei sud del mondo.

E’ l’allarme lanciato dalla FOCSIV, la Federazione italiana degli organismi di volontariato, che per rimediare alla situazione chiede di rinunciare all’acquisto di due dei circa 130 F35 previsti nel programma di spese militari. E il risparmio sarebbe di 230 milioni di euro, visto che il costo di un  cacciabombardiere è di circa 115 milioni.

“E’ una piccola rinuncia se si considera che il costo complessivo dei caccia ammonta a 15 miliardi di euro – dice Sergio Marelli, segretario generale della Focsiv – cifra che da sola potrebbe coprire quasi del tutto le risorse che la manovra finanziaria del Governo Monti reperirà imponendo enormi sacrifici agli italiani”.

E alla sua preoccupazione fa eco anche quella del presidente della Federazione. “La riduzione di due unità della flotta di F35, prevista dagli accordi stipulati dai precedenti governi – dice Gianfranco Cattai – garantirebbe la partenza di 20 mila giovani con il servizio civile nel 2012 e di altri 20 mila nel 2013, oltre all’avvio l’anno prossimo di nuovi interventi della cooperazione e delle ONG”.

Il tutto, per sottolineare la valenza formativa del servizio civile quale “palestra che educa i giovani alla compassione, solidarietà, collaborazione e fraternità facendo sperimentare loro, in prima persona, che la giustizia non è una semplice convenzione umana e la pace non è l’assenza di guerra, ma opera da costruire, come ricorda Papa Benedetto XVI nel suo messaggio per la Giornata mondiale della Pace 2012”.