E’ ancora calcio scommesse: arrestato anche Doni

0

E’ partita la seconda parte dell’inchiesta sulle partite truccate. L’organizzazione con base all’estero operava in Italia e in diversi Stati stranieri.

Il giocatore Cristiano Doni, ex capitano dell’Atalanta, assieme ad altri personaggi minori e ad altri due indagati, Antonio Benfenati che gestisce uno stabilimento balneare a Cervia, in Romagna, e Nicola Santoni, ex preparatore atletico del Ravenna, sarebbe coinvolto nella combine di due partite della sua squadra nel campionato di Serie B della  stagione 2010-11.

Dopo la prima tranche dell’inchiesta, che aveva portato in carcere anche Beppe Signori, questa ne è il naturale sviluppo. Il mondo del calcio non smette mai di stupire per la disinvoltura di alcuni suoi personaggi che, evidentemente, credono di essere intoccabili e al di sopra di tutte le regole, nonostante i lauti guadagni che questo mondo garantisce ai protagonisti del pallone.