BRESCIA – Dal 1° gennaio 90 giorni per gli sconfinamenti

0

Passa da 180 a 90 giorni il tempo in cui un ritardato pagamento fa scattare la segnalazione di sconfinamenti. Infatti, il 31 dicembre scadrà la deroga temporanea, prevista dalla direttiva di recepimento di Basilea 2, che ha consentito alle banche italiane di effettuare la segnalazione degli sconfinamenti (past due) dopo 180 giorni invece che dopo i 90 giorni previsti in generale.

Resta invece in vigore la deroga fino al primo gennaio 2013, di cui si è avvalsa l’Italia, che consente alle banche che utilizzano sistemi di rating interni validati dall’Autorità di vigilanza e limitatamente ai portafogli retail nonchè verso enti pubblici e territoriali di segnalare gli sconfinamenti dopo 180 giorni anzichè dopo 90.

“Nell’ambito di questa direttiva di recepimento di Basilea 3 – spiegano i vertici delle Cooperative di Credito degli artigiani – è necessario diffondere la conoscenza dell’entrata in vigore dei nuovi termini di segnalazione al fine di evitare il verificarsi di tensioni e difficoltà nel rapporto fra banche e imprese. Siamo consapevoli che questa stretta potrebbe mettere in seria difficoltà le imprese. Per questo è necessario sensibilizzare gli imprenditori in merito all’impatto delle nuove regole sulle loro posizioni”.