LUMEZZANE – Scuola e lavoro, un progetto di “open day” con gli artigiani

0

L’assessorato alle Attività produttive del Comune valgobbino conferma il suo impegno sul progetto iniziato il 9 aprile scorso quando, con le associazioni artigiane locali, ha incontrato il mondo della scuola. Parte ora, in occasione delle giornate di orientamento delle scuole medie “Open Days”, il progetto “L’impresa fa scuola… con la scuola”.

"Open Day" con gli artigiani

L’obiettivo è quello di far collaborare direttamente, fianco a fianco, la scuola con il mondo delle imprese artigiane lumezzanesi. “Ho presentato questa mia idea a tutti i dirigenti scolastici delle scuole medie locali e alle associazioni artigiane (Confartigianato e Associazione Artigiani) e dei commercianti (Ascom e Confesercenti) presenti sul nostro territorio che hanno sposato subito l’iniziativa – dice l’assessore Rosanna Saleri – e il primo passo del progetto è far conoscere le varie realtà artigiane di Lumezzane ai ragazzi della terza media con tre incontri di orientamento.

I nostri artigiani incontreranno i ragazzi all’interno delle scuole presentando le loro esperienze lavorative”. I tre appuntamenti si svolgeranno sabato 17 dicembre nella “Dante Alighieri” di Pieve, sabato 14 gennaio alla “Terzi Lana” di Sant’Apollonio e sabato 21 gennaio alla “Serafino Gnutti” di San Sebastiano. “Come assessore, credo molto in questo progetto di incontro e di dialogo tra gli artigiani e le scuole.

Dati statistici – continua Saleri – ci dicono che la disoccupazione giovanile è, purtroppo, in aumento e quindi, a mio avviso, è necessario creare un più stretto legame tra la scuola e il mondo del lavoro: i ragazzi devono sapere quali sono i lavori più ricercati e indirizzare la loro formazione di conseguenza. Gli strumenti su cui puntare con decisione sono, da un lato, la formazione (che non può più limitarsi a quella di base che, anche in presenza di una laurea, deve essere accompagnata da una specializzazione o da un master per accrescere, nello specifico, le competenze) ma soprattutto l’attento monitoraggio e la puntuale informazione su ciò che richiede oggi il mercato del lavoro”.