MILANO – Audizione riservata per i sindacati. Risponde la Peroni

0

“La scelta di svolgere a porte chiuse l’incontro con tutte, e sottolineo tutte, le rappresentanze sindacali presenti si è rivelata quanto mai opportuna per salvaguardare l’immagine e il prestigio del San Raffaele, che è stato e continua ad essere, da un punto di vista sanitario, un polo universitario all’avanguardia, capace di attrarre anche a livello internazionale”.

Si è espressa così oggi Margherita Peroni, presidente della commissione Sanità e Assistenza della Regione Lombardia sulle modalità dell’audizione dei sindacati per l’ospedale di Milano.

“Una decisione che, per come si è svolta – ha continuato – credo alla fine dell’incontro abbiano tutti condiviso, a partire dai sindacati, che hanno potuto esprimersi liberamente anche sull’organizzazione del servizio sanitario e della qualità delle prestazioni, ancora oggi assicurate dal centro.

E’ nostra competenza – ha proseguito la Peroni – e nostro interesse garantire la qualità delle prestazioni sanitarie. Questo era l’obiettivo dell’incontro, tenendo ben presente che esiste un problema occupazionale per oltre 5 mila persone che rischiano di essere solo danneggiate da un’eventuale immagine negativa del servizio erogato dal San Raffaele.

Per quanto riguarda la parte giudiziaria, competente è la magistratura, che sta svolgendo il suo compito. Come già accaduto in altri casi, la Regione collabora fornendo tutta la documentazione e le informazioni necessarie”.