SAREZZO – Quattro donne all’Avogadro fanno la “foto” della società

0

Sarà inaugurata sabato 12 novembre alle ore 16, nel Palazzo Avogadro di via Gremone, una mostra personale fotografica patrocinata dall’assessorato alla Cultura del Comune, in collaborazione con il “Gruppo Fotografico Sarezzo” e realizzata da quattro autrici: Carmen Palermo, Elisa Girelloni, Paola Tegner e Rosetta Zampedrini. L’evento, alla presenza delle artiste, sarà allietato dalla compagnia teatrale “La corte dei miracoli”.

Palazzo Avogadro

La mostra resterà aperta nei giorni feriali dalle 9 alle 12 e i festivi dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18. Domenica 13 novembre, invece, dalle 10 alle 12 si terrà un workshop creativo di fotografia istantanea tenuto dai fotografi Carmen Palermo e Silvano Peroni e per cui le iscrizioni (max 30 partecipanti) verranno raccolte durante l’inaugurazione.

Entrando nel dettaglio della mostra, si tratta di quasi quaranta immagini che offrono un panorama ampio sulla realtà femminile italiana legata a quattro storie diverse tra loro, che rivelano figure emblematiche della nostra società. Ogni racconto affronta un tema rappresentativo di una categoria sociale o culturale e l’insieme illustra, senza pretendere di esaurirla, la realtà contemporanea della donna italiana con l’immediatezza del linguaggio fotografico. Una singolare ricognizione fotografica, quindi, promossa per testimoniare l’attenzione che da sempre viene rivolta alle donne.

Da questa emergono alcuni significativi elementi del cambiamento. L’immagine della donna nel corso della storia della rappresentazione è sempre stata più vicina all’idealizzazione che non alla narrazione veritiera, mentre la fotografia è stata spesso complice di un progetto di mistificazione: la moda, il nudo, il ritratto, hanno proposto donne irreali, da sognare, idealizzare, amare o emulare, in modo consapevole, inconsapevole o surrettizio. Nonostante l’affascinante finzione che è l’espressione fotografica, i soggetti devono essere veri, vere donne, con reali sentimenti, lavori e relazioni umane.