GARDONE – “L’impresa in un giorno” è realtà, con il Suap basta un clic

0

Andare di persona all’Asl per presentare richiesta, muoversi alla Camera di Commercio di Brescia, recarsi in Comune e fare un vero e proprio tour de force tra gli uffici. Tutto questo sarà solo un brutto ricordo per chi dall’1 ottobre volesse aprire un’attività commerciale, grazie al nuovo portale del Suap, lo sportello unico per le imprese già attivo in Valtrompia, ma presentato ufficialmente stamattina nella sede della Comunità montana a Gardone a professionisti, commercialisti e addetti ai lavori.

Documenti, ricevute e attestati, ovviamente, rimarranno, ma saranno gestiti, come prevede la legge, solo in via telematica, senza quindi faldoni di fogli da trasportare ovunque. E a giudicare dalla sala gremita di gente, il convegno per illustrare la novità è stato apprezzato dalla platea, anche se non sono mancati alcuni scettici che hanno già testato nei giorni scorsi il nuovo sistema, senza però avere benefici o inciampando in problemi tecnici. E proprio su questo sono intervenuti il conservatore del Registro delle Imprese alla Camera di Commercio di Brescia Antonio D’Azzeo e il dirigente della Comunità montana Fabrizio Veronesi per avvisare il pubblico che il sistema è attivo, ma ancora in stand by e in cantiere per nuovi sviluppi tecnici.

Il progetto, infatti, sostenuto dalla Regione Lombardia che dovrebbe finanziare un bando sulla digitalizzazione, è uno dei pochi ad essere partito tra le province e i relatori hanno predicato pazienza e collaborazione tra chi dovrà mettersi al computer per gestire le pratiche: una vera e propria rivoluzione come l’hanno definita. Ma per sondare la platea di professionisti e verificare i primi risultati, è intervenuto il dirigente della “Secoval” Marco Baccaglioni sull’esperienza del Suap in Valsabbia nei primi otto mesi di test. Il sistema serve circa trenta Comuni, non solo della zona, e grazie alla collaborazione della Valtrompia si arriverà a cinquanta paesi, con oltre 200 mila abitanti, da presentare come biglietto da visita al Pirellone che sosterrà l’iniziativa.

L'affollata presentazione dello sportello

Fino a questo momento in Valsabbia sono state presentate 120 pratiche con il nuovo portale e la possibilità di integrazione tra mappe catastali fornite dai Comuni e indicazioni geografiche dove aprire l’azienda è il fiore all’occhiello dell’intero sistema. Ma come funzionerà il nuovo portale in Valtrompia? Ci ha pensato il dirigente Fabrizio Veronesi a spiegare in dettaglio le fasi da seguire con tanto di esempio finale di una pratica registrata dal vivo. Per aprire l’impresa in “un giorno”, il professionista incaricato dal titolare potrà fare tutto stando comodamente davanti al pc nel proprio ufficio: basterà entrare nel sito internet del Suap e accedere con il Pin della tessera sanitaria (si può richiedere all’Asl) inserita nel lettore della smart card disponibile gratuitamente nella sede della Comunità montana in via Matteotti.

Una volta entrati nel sistema, si dovrà seguire passo per passo la procedura (si può aprire, ma anche modificare e chiudere un’attività), scegliere il tipo di impresa, il Comune dove aprirla e scaricare i modelli da compilare. A procedura completata, una mail di posta certificata avviserà della pratica e poi si potrà concludere sul registro delle imprese. A questo punto, se il Comune non troverà problemi di forma o nella documentazione, il titolare potrà aprire i battenti dell’attività. Nell’attesa, si può anche vedere sul portale del Suap l’evolversi dalla pratica fino alla conclusione. Nelle prossime settimane saranno sistemati i dettagli tecnici, mentre a novembre, come ha annunciato Veronesi, sarà presentato anche il Geoportale della Valtrompia, un sistema mappato di tutti i paesi locali con aziende e territori registrati nel catasto. E solo allora sarà completata la rivoluzione digitale.