BRESCIA – “Intred” accreditata per la Pec, è l’unica impresa locale

0

Update A proposito della posta elettronica certificata (Pec) di cui abbiamo parlato nei giorni scorsi rivolgendoci alle aziende che possono farne richiesta per comunicare con la Pubblica Amministrazione e altri enti (tutti i documenti inviati via mail con questo sistema hanno valore legale), pubblichiamo una nota diffusa da “Intred S.p.A.”, il gestore per i servizi di telecomunicazione e internet alle imprese, studi professionali, residenziali e PA. Proprio Intred, infatti, è stata riconosciuta come unica impresa bresciana che potrà gestire e mettere a disposizione il servizio Pec. Ecco il testo del comunicato.

Intred SpA è il nuovo gestore del servizio di Posta Elettronica Certificata (Pec) iscritto nell’elenco pubblico della DigitPA – Ente nazionale per la digitalizzazione della pubblica amministrazione. L’ammissione nella lista degli operatori, alla fine di un complesso percorso di accreditamento, segna l’ingresso della competenza bresciana fra i grandi player nazionali del mondo delle telecomunicazioni autorizzati ad erogare il servizio. “Siamo molto soddisfatti di essere stati riconosciuti dall’autorità competente per affidabilità e capacità – afferma Daniele Peli, amministratore di Intred – ci siamo impegnati a fondo per raggiungere i requisiti tecnici, logistici ed organizzativi previsti dalla normativa. Inoltre, poter rappresentare l’eccellenza bresciana in una ristretta cerchia di operatori del calibro di Fastweb, Aruba e Telecom è senza dubbio motivo di orgoglio”.

Da anni Intred si propone al mercato come società promotrice di innovazione; intraviste le potenzialità di uno strumento come la Pec, non ha esitato a investire in un servizio in grado di fornire maggiore competitività alle aziende clienti, nonché di rispondere a una nuova esigenza dettata dalla normativa vigente. Con la legge n. 2 del 28/01/2009 il legislatore ha introdotto l’obbligo per società, professionisti e Pubbliche Amministrazioni di dotarsi, entro il prossimo 29 novembre, di una casella di Posta Elettronica Certificata, che di fatto garantisce alla comunicazione fra i soggetti, la stessa validità legale di una raccomandata con ricevuta di ritorno. Attraverso la Pec i messaggi vengono raccolti da Intred che li racchiude in una busta virtuale e vi applica una firma elettronica in modo da assicurare la provenienza e l’inalterabilità del messaggio stesso.

Certificare l’invio e la ricezione significa fornire al mittente una ricevuta che costituisce prova legale dell’avvenuta spedizione del messaggio e dell’eventuale allegata documentazione. Allo stesso modo, quando il messaggio arriva al destinatario, Intred invia al mittente la ricevuta di avvenuta (o mancata) consegna con la precisa indicazione temporale. Con la Pec sono state abbattute le barriere temporali nei rapporti tra le Pubbliche Amministrazioni, i cittadini e le imprese che possono effettuare comunicazioni con valenza legale senza costi di spedizione e a una velocità di consegna non paragonabile alla posta tradizionale.

Il servizio di Intred non si limita a fornire quanto previsto dalla normativa, ma offre un ambiente ricco di funzionalità per rendere la casella di posta uno strumento quotidiano di lavoro più facile e sicuro. Nel corso della realizzazione di questo progetto Intred ha voluto garantire un valore aggiunto al cliente in termini di controllo e tutela delle informazioni, raggiungendo anche l’importante traguardo della certificazione di qualità  ISO 27000 per la sicurezza dei dati aziendali.