CONCESIO e LUMEZZANE – Centri giovanili in festa: 25 anni di educazione e gioco

0

Venticinque anni di storia per il centro di aggregazione giovanile “Naviganti” di Concesio. Venticinque anni di progetti, incontri e legami tra educatori, sacerdoti, volontari e ragazzi che sono passati, si son fermati e hanno dato qualcosa di importante a questa realtà parrocchiale.

Con il cag della Parrocchia Sant’Antonino, un altro centro festeggia quest’anno gli stessi anni e si tratta de “Il Gabbiano” della parrocchia di San Sebastiano a Lumezzane, gestito dalla cooperativa “Il Mosaico”. Alcuni momenti di riflessione pensati per celebrare l’evento sono stati realizzati in collaborazione tra i due centri e hanno come filo conduttore una riflessione sulla centralità della relazione educativa in un contesto in evoluzione. Il primo appuntamento è per domani, venerdì 7 ottobre, alle ore 20,30 all’oratorio della Pieve di Concesio con il sociologo dell’Agenzia di ricerca Codici di Milano Stefano Laffi che terrà una conferenza su “Cag libera tutti! Coltivare libertà e desiderio nell’epoca della crisi”.

Il secondo momento di riflessione comune sarà sabato 8 ottobre presso la Casa della Giovane in via don De Giacomi in Valgobbia per una giornata di riflessione su “Cag: 25 anni di storia”.  Si partirà alle 10 con l’intervento – a cura di Censi Bossini, responsabile dell’Area Minori e Formazione della Cooperativa “Il Mosaico” e di Maurizia Pedrali, coordinatrice del Cag Naviganti di Concesio – sul tema “Perchè nasce un Cag”. A seguire la dott.ssa Simona Sandrini, coordinatrice del Ctz della Valtrompia, affronterà il tema “Il Cag in Valle Trompia oggi”. I momenti di festa poi sono organizzati separatamente dai due gruppi e il centro di aggregazione di Concesio ha pensato di continuare con i feteggiamenti lungo questo fine settimana tra proposte per grandi e piccini.

Sabato dalle 21, nell’oratorio Paolo VI, la festa è tutta per gli adolescenti e i giovani con un “25th Party rock”. Durante la serata suoneranno quattro gruppi del territorio:  i “Blackout”, “the rebel children”, “The Jabers” e “street Surfers”, oltre a sorprese gastronomiche. Domenica la festa si allarga a tutto l’oratorio per l’apertura dell’anno catechistico. La giornata si aprirà alle 10,30 con la messa nella Parrocchia di Sant’Antonino Martire, dalle 15,30 giochi in oratorio e alle 18,30 il momento dei ricordi con un “aperitivo storico” e la presenza di chi ha contribuito a far nascere e crescere l’omonimo centro e che porterà una testimonianza su “25 anni di Cag Naviganti: risposte e interventi, racconti e vissuti del lavoro con i giovani e a cura di don Giovanni Bonetti, don Manuel Donzelli, don Giampietro Girelli e don Leonardo Ferraglio”.

“Per il futuro – spiega la coordinatrice del centro di Concesio – il nostro impegno continuerà soprattutto tra gli adolescenti con la presenza informale degli educatori tra di loro nei diversi luoghi dove questi ragazzi si ritrovano e con il servizio di aula studio”. Inoltre, le novità specifiche di quest’anno sono una presenza ancora maggiore nelle scuole del territorio oltre che con i progetti sulla legalità e l’orientamento alla scuola superiore anche con una collaborazione degli educatori del centro al Consiglio comunale dei ragazzi e la presenza negli altri oratori con serate dedicate ai ragazzi delle scuole medie.

In più, in occasione dei 25 anni, il centro ha rinnovato il logo, creato proprio da due degli educatori che operano in questo Cag. Il nuovo stemma ha sempre una nave come simbolo e rimanda direttamente al nome “Naviganti”, ma è stata pensata con un forte significato simbolico: la nave indica un movimento, un percorso che educatori e ragazzi fanno insieme e, infatti, a bordo ci sono due persone stilizzate per indicare che questi educatori non navigano da soli ma accompagnano qualcuno. La nave ha poi l’albero maestro che qui può essere visto proprio come un albero vero e proprio che sta crescendo, oppure due mani che si stringono ad indicare sì una crescita, ma una crescita insieme.