BRESCIA – Meno sale nel pane: accordo tra Confartigianato e Regione

0

Meno sale nel pane per prevenire malattie cronico-degenerative, questo l’accordo firmato tra Confartigianato e Regione Lombardia.

“L’accordo nasce nell’ambito delle attività di prevenzione sanitaria di alcune patologie collegate all’eccessivo introito di sale nell’alimentazione, come l’infarto e ictus” spiega Eugenio Massetti, presidente della Confartigianato bresciana.

L’intesa è stata siglata con le direzioni Generali Sanità, Commercio, Turismo e Servizi, Istruzione, Formazione e Lavoro, Semplificazione e Digitalizzazione di Regione Lombardia.

L’impegno, spiega il leader dell’organizzazione di via Orzinuovi, da parte nostra, è quello di promuovere, presso i panificatori associati, la produzione e vendita stabile e senza differenza di prezzo di pane con un contenuto di sale pari al 1,8% (riferito alla farina) entro il 30 settembre 2012 e pari al 1,7% (riferito alla farina ) entro il 30 marzo 2013.

Ogni tre mesi le Associazioni territoriali sono tenute a fornire i nominativi degli associati che aderiscono all’accordo così da poterli inserire nell’elenco regionale predisposto.
Un’iniziativa apprezzata anche dall’Asl di Brescia, che collaborerà con Confartigianato per l’organizzazione di una serie d’incontri, sul territorio bresciano, per illustrare ai panificatori il progetto in essere.

“Con meno sale nel pane c’è più gusto e guadagni in salute”, questo lo slogan della campagna pubblicitaria, che verrà promossa. Da parte loro i panificatori dimostreranno il valore dell’impegno intersettoriale per la promozione della Salute dei cittadini lombardi anche grazie a specifiche azioni per lo sviluppo dell’iniziativa”.