VALTROMPIA – Lunedì si ritorna sui banchi e la scuola diventa hitech

0

“Carlo Bianchi? – Presente!”. “Mario Rossi? – Assente!”. Sono frasi simbolo di una generazione che da oggi sono destinate a scomparire per sempre dalle aule scolastiche. Il 12 settembre, infatti, alla ripresa delle attività didattiche in Lombardia e, quindi, anche nella nostra provincia, studenti e insegnanti dovranno approcciarsi alle nuove tecnologie.

Si tratta del “Progetto eGov 2012” stilato dai ministri della Pubblica amministrazione e Istruzione Renato Brunetta e Mariastella Gelmini per una scuola più snella, meno burocratica e adeguata anche alle esigenze degli studenti sempre più “in rete”. Da quando si varca la soglia per entrare a scuola (cinque useranno il sistema in Valtrompia), durante le lezioni, ma anche fuori dall’istituto, i ragazzi si ritroveranno in un sistema di comunicazione completamente rinnovato.

Il primo punto del progetto sarà il tesserino elettronico con cui ogni studente dovrà “timbrare il cartellino” all’ingresso. All’inizio della lezione, quindi, l’insegnante non avrà più bisogno di fare l’appello perché ogni registrazione sul tesserino verrà inviata in automatico al portatile in dotazione al docente per controllare chi c’è in aula. Anche il modo di seguire la lezione cambierà radicalmente, perché se prima il massimo della tecnologia poteva essere la lavagna magnetica, adesso compare quella multimediale per rendere più attraente lo studio rispetto al classico dialogo tra insegnanti e allievi.

Un’altra novità riguarda il wifi, noto come internet senza fili: chi vorrà entrare in aula con un pc portatile (solo per motivi scolastici) potrà collegarsi al web e fare ricerche, così come accedere ai pc dell’aula di informatica collegati alla stessa tecnologia. E chi si comporta male? Le note di demerito continueranno ad esistere, ma non più con l’inchiostro, bensì in digitale sul pc della docente. Come detto, però, l’informatica aiuterà anche i genitori visto che nel caso di assenze di uno studente, l’insegnante di turno può inviare una mail per conoscere i motivi della mancanza in classe.

Tutto fa parte del portale dedicato “ScuolaMia” disponibile sul sito internet scuolamia.pubblica.istruzione.it in cui si potranno registrare tutti i “ruoli” e che renderà più agevole lo studio, ma anche più pesanti i controlli sugli studenti, soprattutto quelli che disertano la scuola. Come detto, nella nostra valle saranno cinque le scuole dotate della nuova tecnologia: l’istituto superiore “Moretti” al Villaggio Gnutti e quello comprensivo “Maria Seneci” di San Sebastiano a Lumezzane, il “Beretta” di Gardone e la media “Giorgio La Pira” con l’elementare a Sarezzo.