BOVEGNO – Tragedia in alta valle, Maria Gatta muore cercando funghi

0

La grande passione per i funghi è costata cara a Maria Gatta, la casalinga 65enne di Borgosatollo, ma nata a Gardone Valtrompia, che ieri mattina intorno alle 8 è caduta in un canalone dopo essere scivolata per 15 metri e poi, priva di sensi, caduta per altri 70 metri nel dirupo morendo sul colpo.

La donna si era recata già sabato con il marito Carlo Terzi nella casa in montagna nel paese dell’alta Valtrompia e proprio ieri, vista anche la bella giornata, aveva deciso di fare una passeggiata in cerca di funghi lungo i sentieri con i cognati e due fratelli, mentre il coniuge era rimasto nella baita per riposarsi. La 65enne conosceva molto bene i percorsi, ma sapeva anche della loro pericolosità.

Poco prima delle 8, arrivata nella zona di Masna di Graticelle, una frazione di Bovegno, nella Valle di Zerle, avrebbe messo male il piede o sarebbe scivolata (la dinamica è al vaglio dei carabinieri di Collio) per decine di metri prima di terminare la corsa nel dirupo. I suoi famigliari hanno allertato subito il 118, giunto sul posto con il soccorso alpino e un medico.

Vista la zona pericolosa e impervia, molto difficile da raggiungere se non a piedi e stando attenti, i due soccorritori si sono dovuti calare con una fune per raggiungere il corpo privo di sensi. Ma quando hanno provato a rianimare la donna, non hanno potuto far altro che constatare la morte. Sul posto è poi intervenuto l’elisoccorso che ha ricomposto la salma nell’obitorio dell’ospedale Civile di Brescia per l’autopsia e il riconoscimento da parte dei familiari.

In visita alla donna sono arrivate subito le figlie Michela e Ester, consolate dal curato di Borgosatollo don Alfredo per una tragedia che ha colpito una persona di certo esperta per il posto montano. I funerali della 65enne si svolgeranno mercoledì mattina alle 10 nella Chiesa di Borgosatollo dove ieri mattina, durante la tradizionale messa, era già stata diffusa la notizia.