SILVERSTONE – Lorenzo Zanetti d’argento in Inghilterra. Ora a -11 dalla vetta

0

E’ stato un podio ancora tutto italiano quello che oggi ha dominato la sesta tappa del Superstock 1000 in programma in Inghilterra dove Danilo Petrucci in sella alla Ducati si è aggiudicato il titolo per la prima volta nella rassegna motoristica e nella sua carriera. Si tratta di un’impresa importante per il giovane vincitore, vista anche la brutta partenza che l’ha costretto prima a tenersi in coda e poi a farsi strada tra gli avversari per puntare verso il leader momentaneo della corsa Davide Giugliano.

Fonte: Motosprint.it

Quest’ultimo, però, a due giri dalla fine è stato beccato dalla sfortuna con la ruota anteriore che non ha retto il passo ed è scivolato sul tracciato consegnando di fatto le “chiavi” del primo posto sul podio proprio a Petrucci che, dopo essergli stato alle calcagna nei momenti finali senza esclusione di colpi, non ha dovuto fare altro che correre il prima possibile verso l’arrivo.

Tra i primi tre giunti alla bandiera a scacchi ha realizzato un’ottima prova anche il lumezzanese Lorenzo Zanetti che, sulla sua Bmw Motorrad Italia, è riuscito in estremis a tagliare il traguardo in seconda posizione lasciando il “bronzo” alla Ducati del connazionale Canepa giunto in ritardo di soli 34 millesimi dietro proprio il valgobbino.

E per entrambi è stata una gara nella gara, visto che, partiti con incertezza e perdendo di vista Giugliano ancora leader, Zanetti e Canepa si sono poi presentati alle spalle dei primi due rispettivamente al terzo e quarto posto non riuscendo, però, a tenere il passo. Poi l’infortunio del romano ha aumentato le chance di vittoria del “treno” di coda con il valgobbino e il giovane sulla Ducati che hanno intrapreso una battaglia: prima Canepa aveva approfittato di uno sbaglio dell’avversario per superarlo, ma poi ha dovuto subire di nuovo l’impeto di Zanetti che con una grande staccata è riuscito a rimettersi in seconda posizione conquistando il secondo gradino del podio.

A questo punto, la classifica comincia a deliziare il valgobbino visto che, mantenendo la seconda posizione, si trova a soli 11 punti di distanza dall’attuale leader che è ancora Giugliano, ma deve stare attento anche alle spalle perchè Petrucci si trova a sole dieci lunghezze. La corsa di Zanetti per agganciare la Ducati dell’avversario ora si fermerà per un mese in vista della pausa estiva, ma riprenderà il 4 settembre dalla Germania.