BRESCIA – Da Rete Imprese ok alla manovra ma serve il rilancio

0

Rete Imprese Italia, il network che raggruppa le associazioni di rappresentanza delle pmi del commercio e dell’artigianato ha emesso un comunicato nel quale dice tra l’altro che: “…il Parlamento ha saputo dare prova di grande responsabilità, approvando la manovra di correttiva dei conti pubblici in tempi straordinariamente rapidi.

Il Paese, in questo delicato frangente, ha risposto al richiamo all’unità che il Presidente Napolitano ha autorevolmente ed opportunamente esercitato. La manovra consente di arginare la pressione dei mercati finanziari sulla nostra economia. Lo ha dichiarato Rete Imprese Italia l’organo che aggrega Confartigianato, Casartigiani, Cna, Confcommercio e Confesercenti.

Per consolidare la fiducia degli investitori internazionali, e non vanificare i sacrifici richiesti a cittadini e imprese ora dobbiamo dimostrare di essere in grado di imboccare il sentiero di una crescita duratura e di realizzare l’effettivo controllo dei conti pubblici: obiettivi non raggiungibili con una manovra in cui le maggiori entrate prevalgono sulle riduzioni di spesa.
Si avverte chiaramente la necessità di impostare un piano di medio periodo che ridisegni il bilancio pubblico ed elimini ogni spreco e duplicazione.

Si parta dalla razionalizzazione dei livelli di governo e si cominci a rendere più efficiente la pubblica amministrazione. Si proceda verso una decisa riduzione della spesa pubblica che, insieme al contrasto e al recupero di evasione ed elusione, rappresenta la condizione fondamentale per ridurre la pressione fiscale. Si intraprenda un processo vero di liberalizzazioni nell’esclusivo interesse dei cittadini e delle imprese.

Si accompagnino efficacemente le imprese sui mercati internazionali. Sono tutti elementi attesi dal mondo delle imprese, ma che non sono presenti nella manovra.
Ci aspettano mesi difficili. Serve un’azione coesa e convinta di tutte le grandi forze del Paese. Un grande sforzo comune per realizzare i cambiamenti necessari a creare ricchezza per le future generazioni.”

E’ un po’ l’auspicio che viene da tutto il mondo manifatturiero del nostro paese che rappresenta la vera forza dell’Italia contro la speculazione del mondo finanziario che tenta di ricacciare la nostra economia su posizioni di rincalzo nel panorama europeo, ossurando quanto di buono e positivo le piccole e medie aziende italiana rappresentano per il paese