PEZZORO – I gnari della “Locanda del Gnaro”

0

C’era tutto il paese all’inaugurazione della “Locanda del Gnaro” e, naturalmente, visto che porta il suo soprannome, non poteva mancare Silvio Mondinelli.

La piazzetta centrale era occupata da due grandi gazebo sotto i quali è stato allestito il rinfresco e sulle scale che portano all’ingresso della locanda si sono alternati tutti i personaggi importanti invitati all’avvenimento.

Valentino Pluda, che avevamo incontrato ad inizio maggio, ha aperto le “danze” e dopo di lui si sono alternati al microfono il Gnaro, il sindaco, il presidente, il Don che, prima di spedire tutti a visitare la locanda, quando per la verità già qualche affamato si era avventato sul buffet, ha recitato con i presenti il “Padre Nostro”.

Il “Gnaro” ha ricordato che, forse, è più facile scalare un 12000 che riavviare al successo turistico il paese, ma parlava solo per se stesso, naturalmente: vorrei vedere voi su un 12000!

Porteri, il sindaco, ha ricordato il giorno in cui i “coraggiosi” si sono presentati in comune per avviare le pratiche necessarie all’impresa appena conclusa.

Il presidente, Bruno Bettinsoli, in rappresentanza di tutta la Valle, ha auspicato che altre iniziative simili servano a far ripartire il turismo su un territorio che, pure, ha tutti i numeri per offrire scenari e eventi di sicuro interesse.

Il Don ha provveduto ad invocare l’aiuto divino e, alla fine, il tempo delle chiacchiere ha lasciato  spazio alla visita guidata all’interno del locale.

Alla fine, convinti che l’avventura potrà mietere il meritato successo, si è dato fondo alle risorse alimentari.

Bravi,  “gnari”, che la fortuna sia con voi.