BRNO – Zanetti ottimo alla boa: è bronzo in Repubblica Ceca

0

E’ stata una gara spettacolare quella che si è svolta ieri pomeriggio in Repubblica Ceca per la quinta tappa del campionato mondiale di Superstock 1000, dove il giovane lumezzanese Lorenzo Zanetti ha raggiunto il terzo posto nonostante la caduta di venerdì durante le prove libere che l’hanno costretto a disputare la competizione a mezzo servizio.

Lorenzo Zanetti (a destra) terzo a Brno (Motocorse.com)

“Ho voluto affrontare tutti e due i turni perche volevo capire meglio quali fossero i progressi del mio fisico dopo il botto di ieri (venerdì) mattina – aveva detto prima della gara – e se tanto mi da tanto domani sarò della partita. I dolori sono ancora tanti ma questi non mi impediscono del tutto di dominare la mia Bmw. Ho voluto risparmiare un pò di energie all’inizio del turno ufficiale, ma poi mi sono lancianto in una run che ha evidenziato la possibilità di impostare il passo giusto per la gara – commentava – e con questo dato in tasca state certi che domani ci proverò fino alla fine”.

E la sua è stata una prestazione da incorniciare, considerando il malanno fisico. La gara era saldamente in mano a Danilo Petrucci sulla Ducati prima di cadere e ritirarsi dalla corsa e a quel punto il timone è andato all’altro italiano dominatore della classifica generale, Davide Giugliano, che non è riuscito a mantenere la prima posizione. Pedinato fino all’ultimo metro dal francese Sylvain Barrier e dal compagno di scuderia sulla Bmw Motorrad Italia Lorenzo Zanetti, il momentaneo vincitore ha concluso la gara con un paio di sbandate che l’hanno portato comunque a un soddisfacente secondo posto, visto anche il divario di 31 punti nella griglia che lo vedono in vetta proprio ai danni del centauro giunto dalla Valgobbia.

Sul primo gradino, infatti, è salito proprio il transalpino che al terzo posto ha ritrovato il compagno di squadra lumezzanese arrivato a sette decimi di ritardo. Ancora una volta, quindi, la pista di Brno si è rivelata di ottimo auspicio per Zanetti che l’anno scorso era riuscito nell’impresa di raggiungere il secondo posto, mentre ieri si è dovuto accontentare della “medaglia di bronzo” condizionata certamente anche dal fisico acciaccato dopo la caduta. Quella di ieri è stata la gara di boa dell’intero campionato che andrà avanti con Silverstone, in Inghilterra, il 31 luglio per finire il 16 ottobre in Portogallo. Ad oggi la competizione mondiale sembra non avere più storia con i 115 punti di Davide Giugliano saldamente ancora al primo posto, seguito proprio da Zanetti a quota 84, ma come ha sempre detto il giovane a bordo della Bmw, “il campionato sarà durissimo e pieno di sorprese”.