GARDONE VT – Bilanci e progetti di Diego Toscani all’Asvt

0

“L’obiettivo prioritario resta quello dell’impianto di depurazione, fermo restando il proseguimento dei progetti già avviati relativi alla gestione dell’acqua, metano e rifiuti. Stiamo poi concretizzando anche la realizzazione della nuova sede dell’azienda, che sorgerà nell’area adiacente al polo scolastico, di fronte al complesso commerciale di via San Paolo e a breve sarà aggiudicato l’appalto per l’inizio dei lavori”.

A parlare così è Diego Toscani, riconfermato presidente dell’Asvt (Azienda Servizi Valtrompia) che dal 1998 serve i Comuni di Sarezzo,Villa Carcina, Gardone e Lumezzane nella distribuzione del gas, oltre a fornire, con 57 impianti a metano, il riscaldamento negli edifici pubblici di sei amministrazioni triumpline.

Quelli appena citati raccontano solo uno spaccato di quali siano le attività dell’azienda che nel 2010 ha anche raccolto 24.500 tonnellate di rifiuti e attestandosi al 31,8% nella quota di differenziata. Altri numeri parlano di 26.773 clienti serviti da Asvt lungo 210 chilometri di rete, ma in vista ci sono anche alcuni progetti in cantiere e quali sono, allora, le novità?

“Il collettore fognario di Valle è ormai completato – ha detto il presidente Toscani – e ora si guarda con attenzione al ciclo idrico integrato dove, in quest’ottica, occorre insistere sul  progetto relativo all’impianto di depurazione”. Per quanto riguarda l’ultimo intervento, però, il massimo dirigente dell’azienda pensa ad altre ipotesi rispetto a quella che si ipotizzava da tempo.

Un "rendering" della nuova sede

“Il collegamento Concesio-Verziano di cui si parla da anni, non trova per ora concretezza – ha continuato – pertanto si fa strada l’ipotesi di tre depuratori dislocati in altrettanti punti strategici della Valle: il primo al confine tra Marcheno e Gardone, il secondo tra Sarezzo e Villa Carcina e il terzo a Concesio dove erano già previsti impianti di equalizzazione che si sarebbero dovuti allacciare al collegamento con il depuratore di Verziano. Sono tre impianti a basso impatto – ha spiegato Toscani – che potrebbero rappresentare una risposta ideale a un problema annoso che si trascina ormai da troppo tempo”.

A questo proposito, bisogna ricordare che l’Azienda Servizi Valtrompia gestisce già alcuni piccoli impianti allestiti nei territori di Pezzaze, Lodrino e Caino e pare di capire che, per il riconfermato presidente, i prossimi tre anni di mandato saranno densi di lavoro, all’insegna della crescita costante e della qualità dei servizi.