SAREZZO – Un laboratorio teatrale per insegnare l’educazione

0

Per venerdì 13 e sabato 14 maggio, al teatro “San Faustino”, la scuola superiore “Primo Levi” presenta anche quest’anno lo spettacolo finale del laboratorio dedicato stavolta a “Silver Fish Village”. Nel progetto basato su “Ricerca Integrazione Comunicazione”, gli studenti portano avanti da molti anni una collaborazione con i ragazzi disabili della Valtrompia, i bimbi dell’asilo “San Pio X” e diversi ex allievi sostenuta dalla Fondazione Cariplo per il progetto “Laiv”.

L’idea propone di sfruttare tutte le potenzialità educative, formative e didattiche del teatro e di rendere i giovani protagonisti di un prodotto artistico: un’esperienza importante, quindi, che non solo rafforza l’amicizia e collaborazione, ma consolida anche i legami con la scuola e la realtà sociale e culturale del paese e della valle. Il laboratorio, condotto dal regista Guido Uberti per la cooperativa “Il telaio”, è stato svolto nei locali dell’Istituto per promuovere la cultura dell’accoglienza e integrazione e valorizzare tutte le persone. Il testo di quest’anno, scritto dal prof. Forbitti con il gruppo di lavoro, è nato da una riflessione sulla realtà di crisi e cambiamenti in cui dobbiamo vivere per una realtà dominata dall’universo mediatico.

Nel lavoro si parla di satira, paradosso, gioco degli equivoci e travestimenti e le scene essenziali prodotte con il liceo artistico e la prof.ssa Sara Rossetto, esprimono al meglio la vita semplice di un villaggio di pescatori, appunto “Silver Fish Village”. Il progetto, già presentato oggi al teatro Pavoni di Brescia per la rassegna “Laivaction”, è la metafora di una comunità che non vuole morire. Lo spettacolo andrà in scena quattro volte tra venerdì e sabato: due repliche del mattino, alle 10, per gli studenti e il personale della scuola, quelle serali, alle 20,45, invece, aperte al pubblico.