LUMEZZANE – Studenti e soccorsi per una simulazione della Croce bianca

0

Un camion fermo in mezzo alla strada lungo via Moretto davanti al parco don Gnocchi, una bicicletta a terra e un’auto urtata nella parte anteriore a seguito di un sorpasso azzardato al mezzo pesante. E’ la scena di un incidente stradale che ieri mattina ha attirato centinaia di persone della zona con la carovana dei soccorsi tra Croce bianca, vigili del fuoco e la Polizia locale.

Per fortuna, però, nessun allarme o agitazione perchè si è trattata solo di una simulazione organizzata dai volontari per i 115 studenti di tutte le classi della vicina scuola elementare “Madre Teresa di Calcutta” di Faidana con il sostegno di dodici insegnanti e un assistente. Sul posto l’inequivocabile scena realistica di una persona a terra caduta dalla bicicletta in seguito al sinistro e il conducente dell’auto con due passeggeri feriti, ma non in pericolo di vita. In questi casi cosa si fa? Il primo atto, come hanno imparato i bambini curiosi di assistere alla lezione è chiamare il 118. E’ questo il segnale che fa partire le sirene della prima ambulanza della Croce bianca diretta sul posto per soccorrere il ferito in bicicletta e portarlo all’ospedale più vicino in base alla gravità della situazione.

Gli autisti a bordo dell’auto e del camion, invece, si sono fatti solo una “finta” escoriazione e quindi nessun bisogno di barelle. E se un passeggero rimane bloccato e non riesce a uscire? Allora parte anche il 115 per l’arrivo dei vigili del fuoco che aprono con gli strumenti a loro disposizione il mezzo di trasporto e poi una seconda ambulanza per soccorrere il malcapitato estratto. Infine, è arrivato anche l’effetto spettacolare per i bambini con lo spegnimento dell’incendio causato dalla fuoriuscita di benzina e i rilievi del caso con tanto di Polizia locale per capire la dinamica.

Si è trattata di un’importante esperienza formativa per gli studenti della scuola elementare di Faidana che così hanno appreso dalle varie stazioni i principi fondamentali del soccorso per poterli applicare, sperando mai, in una situazione seria. E’ un’iniziativa lodevole anche secondo l’assessore alla Sicurezza Cosimo Alemanno intervenuto alla giornata, che ha previsto altre simulazioni di questo genere anche il prossimo anno scolastico nei plessi valgobbini e diffuso una serie di progetti tra la patente del motorino e titoli di guida per chi si muove in bicicletta.