SAREZZO – In festa per il 65esimo della Madonna del Soldato

0

Manca ancora poco più di un mese, ma la comunità è già in fermento per celebrare il 65esimo anniversario della Madonna del Soldato e del Buon ritorno. La particolare manifestazione religiosa, che ritorna il 28 maggio, rappresenta il seguito della ricorrenza del 25 aprile, festa della Liberazione, visto che la Vergine ha assunto questo nome proprio perchè è stata la destinataria di un voto fatto dalle mamme, sorelle e fidanzate dei soldati saretini che chiedevano di proteggere i loro cari sul fronte di guerra.

Il santuario di Sant'Emiliano

Per riconoscenza, ogni anno i fedeli della Vergine avrebbero fatto un pellegrinaggio fino al monte Sant’Emiliano per onorare la Madonna che, in una mano dentro un cuore di stoffa, custodisce ancora un biglietto con i nomi dei soldati triumplini da proteggere. Nell’occasione di questo importante anniversario, preso atto che molti anziani non possono recarsi sul posto per il tradizionale pellegrinaggio, ogni cinque anni, la Madonnaviene portata a spalle dal santuario fino in valle, per consentire a tutta la comunità saretina di venerarla.

Quest’anno l’evento si ripete. Il pellegrinaggio verso Sant’Emiliano, per riportare la Vergine, inizierà alle ore 9 e all’arrivo sul posto alle 11 è prevista una messa prima di ritornare, nel pomeriggio alle 14,30, con l’effige delle Vergine trasportata a spalle dai volontari delle associazioni d’arma e dagli alpini che faranno la staffetta fino alla chiesa di Valle. Alle 20, accompagnata da una suggestiva fiaccolata, la Vergine sarà poi trasportata fino alla Chiesa parrocchiale dei Santi Fautino e Giovita dove resterà fino a dicembre.