BRESCIA – La ragazza pakistana allontanata da scuola dai genitori

0

Qualcuno l’ha definita una bellezza «arcana, magnetica, indescrivibile». Noi, pur non avendola mai vista, ma poco inclini a lasciarci incantare dai compagni che così la descrivono, riteniamo sia il caso di una bella ragazza straniera, pakistana per l’esattezza, che vuole vivere all’occidentale. Nulla di strano, nella nostra cultura occidentale e liberale. Molto difficile da accettare da parte della famiglia d’origine, la cui cultura non so come definire.

Foto tratta da Bresciaoggi

E così nasce una storia triste di probabile segregazione. Di una ragazza venuta in Italia con la famiglia e inserita nel nostro sistema scolastico con risultati non esattamente lusinghieri che, pare però siano da attribuire alle assenze forzate, volute dai genitori della ragazza, nel tentativo di allontanatla dei corteggiamenti non troppo discreti dei suoi coetanei. In realtà i professori ed i compagni la descrivono come una ragazza con buone capacità e buone possibilità di riuscita, se lasciata frequentare regolarmente le lezioni. La storia è venuta a galla grazie ad una lettera scritta al quotidiano Bresciaoggi da un’insegnante  dalla vista lunga che, preoccupata dalle lunghe assenze della ragazza, ha indagato scoprendo l’arcano.

C’è un fondato sospetto che l’attegiamento della famiglia sia da attribuirsi al timore che la ragazza si stia “occidentalizzando” troppo. Questo diverrebbe un ostacolo ad un già programmato matrimonio in patria con non si sa bene chi.

Dobbiamo stupirci? Non credo. La “multiculturalità” delle società moderne è un concetto tutto occidentale. Provate a spiegarlo a qualche “guru” dell’islamismo estremo. Gli stessi francesi o gli inglesi, che in Europa, per primi, hanno basato l’integrazione su questo concetto, stanno avendo dei ripensamenti.

Ma, per tornare alla ragazza pakistana della nostra storia iniziale, speriamo solo che qualche magistrato attento ai diritti civili prenda in considerazione seriamente la questione. Di incidenti gravi, nellanostra provincia, ne sono già successi.