POLAVENO – Lo “Stabat Mater” di Pergolesi, a favore dei restauri di Santa Maria del Giogo

0

Procedono a ritmo spedito i lavori di restauro della quattrocentesca chiesa di Santa Maria del Giogo, santuario che domina Polaveno e i paesi limitrofi; la chiesetta alpina è da sempre meta di pellegrinaggi e in tanti, nei mesi da maggio a settembre, sprecano in pellegrinaggio, ogni domenica, per assistere alla S.Messa.

Dal santuario iniziano ogni anno, con la fiaccolata che giunge fino a Zoadello, le celebrazioni della festa dedicata alla patrona S.Anna. I lavori, autorizzati dalla Sopraintendenza alle Belle Arti, prenderanno in considerazione, in questo primo stralcio, la zona del presbiterio con la pulizia dell’altare barocco che porta, in alto, la data “1695” e la dicitura “Sancta Maria Ora Pro Nobis “.

E’ prevista la pulizia delle pareti e non si esclude che vengano alla luce affreschi quattrocenteschi anche sull’arco santo, anch’esso oggetto di restauro. Don Mario Laini, parroco di Polaveno, sottolinea l’importanza degli interventi che porteranno agli antichi splendori la chiesetta alpina – “Il motivo dei lavori non è solo artistico – dice il parroco – la devozione alla Madonna del Giogo è molto sentita in quel di Polaveno, sono numerosi i fedeli che salgono al santuario per ossigenarsi i polmoni e,soprattutto, per ritemprarsi lo spirito trovando forza nella preghiera e relax nella natura che circonda il luogo di culto”.

Serve dunque rimettere in sesto il santuario e per farlo occorre la generosità dei polavenesi i quali sono invitati al concerto di musica sacra promosso dalla parrocchia per domenica 17 aprile alle 20.30. Protagonista sarà lo “Stabat Mater” di G.B.Pergolesi; l’appuntamento è nella chiesa parrochiale di San Nicola a Polaveno dove si esibiranno il soprano Maria Colicelli e il contralto Nadja Petrenki, con l’accompagnamento di archi dell’orechestra sinfonica dei Colli Morenici, direttore e concertatore il maestro Edomondo Savio.