LUMEZZANE – Il bilancio della Croce bianca tra formazione, donazioni e progetti

0

Un resoconto positivo quello del 2010 per la Croce bianca di Lumezzane che ieri sera si è riunita nell’auditorium della casa di riposo “Le Rondini” per la tradizionale assemblea annuale. L’occasione è stata preceduta dalla commemorazione di cinque militi scomparsi l’anno scorso e, tra questi, anche il presidente onorario Angelo Ghidini venuto a mancare pochi giorni fa. E’ un’offerta a tutto campo quella diffusa dal presidente del sodalizio Valeriano Gobbi, in carica dal 1994.

Servizi di dialisi, copertura durante le gare sportive, trasporto dei malati nei centri di cura e la collaborazione con i bambini nelle scuole. Una squadra, quella di via Madre Lucia Seneci, che conta 280 volontari certificati per le emergenze e sei istruttori qualificati tra i 436 soci in totale che oggi la identificano come la terza associazione in provincia per il numero di militi.

Si tratta di un servizio in continuo aumento grazie anche all’innovativo parco mezzi che nei prossimi mesi sarà aggiornato con altri pulmini e ambulanze. Il primo, un mezzo rivolto al trasporto di anziani e privati, sarà inaugurato sabato 26 marzo nel piazzale della Chiesa di Sant’Apollonio dopo la messa delle ore 18,30: il mezzo è stato donato dai coniugi Giovan Battista Massetti e Maria Pasotti venuti a mancare negli scorsi anni. In arrivo anche due nuove ambulanze tra aprile e maggio e un pulmino con nove posti che sostituirà uno usurato e sarà dedicato, forse già durante la festa annuale del 10 aprile alla Pieve, ad Angelo Ghidini.

Il nuovo pulmino dal 26 marzo

Durante l’assemblea si è parlato anche dell’assoluta novità che per tre mesi ha divertito i valgobbini: la pista di pattinaggio chiusa il 27 febbraio scorso con oltre 2800 tesserati e i mercatini di Natale. “Abbiamo creato un evento a Lumezzane – ha commentato il presidente Gobbi – con grande soddisfazione di appassionati, genitori e figli che hanno avuto un punto di riferimento dove passare le giornate”. Una lunga lista di servizi è stata fornita dal comandante Adriano Vivenzi: 1200 uscite di emergenza, oltre 1500 con la dialisi, trasporti alla clinica “Maugeri” e alle “Rondini” e oltre 1500 per i privati.

Copertura anche oltre i confini valgobbini con trasporti a Ome, all’ospedale di Gardone e alla casa di riposo di Sarezzo. Continua poi la formazione di nuovi militi grazie ai corsi finanziati dall’associazione nell’ambito delle iniziative per l’anno europeo del volontariato: 10mila euro per alcune sessioni a gruppi di 18-20 persone. “E’ sbagliato fare il volontario in silenzio – ha spiegato Gobbi – perchè bisogna fare la differenza per risollevare la gente nonostante la crisi”.

Sul fronte del bilancio, stilato da Marcella Pezzola, il sodalizio nel 2010 ha avuto un avanzo di 69mila euro con la voce più onerosa di oltre 900mila euro per la costruzione della nuova sede. Per quanto riguarda le donazioni, la Croce bianca risulta la principale destinataria del 5permille dei valgobbini: 76mila euro l’anno scorso che saranno confermati anche per il 2011. In previsione il bilancio conta su 625mila euro di entrate che in parte saranno usate per l’ampliamento del garage (220mila). Il progetto per l’allargamento del parco mezzi, in studio dall’ufficio tecnico del municipio, prevede cinque nuove stanze per la formazione dei volontari, spazi di manovra delle ambulanze più ampi e una copertura dei parcheggi anche per prevenire i cambiamenti di tempo, gelo e condizioni climatiche.

Il programma per la festa annuale del sodalizio, che si terrà il 10 aprile, prevede il ritrovo alle ore 9,30 presso il teatro “Lux” di Pieve dove ci sarà un rinfresco prima di partire con le ambulanze e la banda musicale di San Sebastiano verso la Chiesa di San Giovanni Battista per la celebrazione della messa. A seguire il pranzo sociale presso “La campagnola” di Binzago (Agnosine). Tra i non volontari che volessero partecipare devono contattare l’associazione allo 030.829717 e versare una quota di 40 euro entro il 6 aprile. Nell’occasione saranno premiati i militi che prestano servizio da 5 a 35 anni e nominati i nuovi soci onorari: Antonio Tassone, Domenico Reboldi e Ciso Berna.